Warren Buffett, quando anche i big della finanza sbagliano

0
64
warren buffett

Anche i big della finanza sbagliano. Non falliscono, d’accordo, ma sbagliano le loro previsioni e quindi investimenti milionari. Pesanti.

Direte voi: “E a noi che ce ne importa?“. Beh, il signore in questione, Warren Buffett, il vecchietto multimiliardario, non è uno qualunque: quando si muove lui con la sua casa di investimenti Berkshire Hathaway è capace di orientare migliaia di piccoli medi e grandi risparmiatori, e quando lui mette i dobloni su un settore piuttosto che su un altro non è mai per una scelta banale. Ecco perché lo chiamano l’oracolo di Omaha, come a dire che dalle sue parole o meglio fiches posizionate qui o lì si generano opportunità di guadagni anche elevati. Basta seguire le sue regole e la sua vision diventate dei pilastri sulle scelte finanziarie di lungo periodo.

Gli errori di Warren Buffet

Di recente qualcosa però è cambiato ed anche le sue solide certezze hanno vacillato, tanto che nel suo ultimo discorso agli azionisti Warren Buffett ha dichiarato in modo trasparente di aver venduto le azioni Apple (quasi 10 milioni) perché non le vedeva più in crescita. Ed ecco l’errore: da allora, ancor più di prima, le prospettive di crescita della major delle spedizioni worldwide con sede a Cupertino sono in crescita.

Ma non è l’unico “errorucolo”, questo suo. Da sempre critico sulle criptovalute, non vede di buon occhio i Bitcoin e la stessa moneta lo ricompensa arrivando al suo record storico arrivato a 63.500 dollari di valore. Dietrofront? Macché! Neppure questo ha modificato le intenzioni e le valutazioni del testardo investitore più famoso al mondo che, decidendo di non posizionarsi sulle nuove politiche green mondiali, ha visto la “sua” Chevron forte di business old style non decollare più tra i suoi asset pregiati.

A questo punto, forse per rimediare, proprio nel febbraio 2021 ha deciso di ben focalizzarsi nel settore dei veicoli elettrici acquistando tante azioni della GreenPower Motor, specializzata nella produzione di autobus elettrici.

Siamo certi che i suoi errori in buona fede non si producono certo per inesperienza e neppure a seguito di semplici errate valutazioni, come fanno invece milioni di piccoli trader nel mondo. D’altronde di fronte ad un contro-asset chiamato “pandemia” neppure l’oracolo di Omaha poteva qualcosa.

Ma da questa vicenda c’è da imparare molto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here