venerdì, Settembre 30, 2022
HomeMINISTERIL'Italia è ancora vista come uno dei paesi più corrotti d'Europa

L’Italia è ancora vista come uno dei paesi più corrotti d’Europa

- Pubblicità -
- Pubblicità -

L’Italia si è classificata ancora una volta tra i paesi più corrotti d’Europa nel Corruption Perceptions Index (CPI) 2021 pubblicato martedì dal gruppo della campagna anticorruzione Transparency International.

L’indice classifica 180 paesi e territori in tutto il mondo in base ai livelli percepiti di corruzione nel settore pubblico. I risultati sono dati su una scala da 0 (molto corrotto) a 100 (molto trasparente).

L’Italia con un punteggio di 56/100 la colloca al 42° posto su 180 paesi della lista, e tra i paesi dell’Unione Europea percepiti come più corrotti insieme a Slovenia (57) e Polonia (56). La peggiore tra tutti gli Stati membri dell’Unione Europea è stata l’Ungheria, al 43° posto con un punteggio di 53.

L’indice classifica 180 paesi e territori in base ai livelli percepiti (non effettivi) di corruzione nel settore pubblico, utilizzando una scala da 0 a 100, dove 0 è altamente corrotto e 100 è molto pulito.

Sebbene l’Italia sia stata a lungo percepita come uno dei paesi più corrotti d’Europa, l’ultima edizione dello studio annuale mostra che le cose sono effettivamente migliorate anche quest’anno.

L’ Italia ha migliorato la sua classifica di tre punti da quando ha segnato 53/100 nell’indice dello scorso anno. La classifica mostra un miglioramento nell’ultimo decennio, poiché l’Italia si è classificata al 42° posto nella lista nel 2012.

Transparency International ha affermato nel suo rapporto che il miglioramento dell’Italia quest’anno “è il risultato della crescente attenzione riservata al problema della corruzione nell’ultimo decennio, e fa ben sperare per la ripresa economica del Paese dopo la crisi generata dalla pandemia”.

L’Italia ha “raccolto i frutti delle riforme anticorruzione” nell’ultimo anno, ha affermato, pur sottolineando che rimane tra i punteggi bassi della regione europea.

“Le lacune legislative devono essere colmate con urgenza per il lobbying e la titolarità effettiva in Italia”, ha affermato Transparency International. Secondo il rapporto, gli italiani ritengono che le due istituzioni più corrotte del Paese siano i partiti politici e lo stesso parlamento.

In testa alla classifica, Danimarca, Nuova Zelanda e Finlandia condividono la posizione desiderabile di paese meno corrotto del mondo, seguite da Norvegia e Singapore. Svezia, Svizzera, Paesi Bassi, Lussemburgo e Germania completano la top 10.

L’indice ha anche osservato che la pandemia di Covid-19 è stata utilizzata in alcuni paesi come scusa per “ridurre le libertà fondamentali ed eludere importanti controlli ed equilibri”.

“In contesti autoritari in cui il controllo è di pochi, i movimenti sociali sono l’ultimo freno rimasto al potere. È il potere collettivo detenuto dalle persone comuni di tutti i ceti sociali che alla fine garantirà la responsabilità”, ha affermato il CEO Daniel Eriksson sul sito web di Transparency International.

Secondo l’indice, 131 paesi non hanno compiuto progressi significativi contro la corruzione nell’ultimo decennio. Due terzi dei paesi hanno ottenuto un punteggio inferiore a 50, indicando che hanno seri problemi di corruzione, mentre 27 paesi hanno il punteggio più basso di sempre.

L’indice di percezione della corruzione è la classifica globale della corruzione più utilizzata al mondo e misura come esperti e uomini d’affari corrotti percepiscono il settore pubblico di ciascun paese, sulla base di un minimo di tre fonti di dati tratte da istituzioni tra cui la Banca mondiale e l’economia mondiale Forum.

Il rapporto non riguarda la corruzione nel settore privato, compreso il riciclaggio di denaro e la frode fiscale.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com