Trasforma il tuo credito d’imposta locazioni in liquidità immediata

Nell’articolo odierno, Agevola Impresa & Finanza vi spiega come può aiutare i propri clienti a trasformare il credito di imposta locazioni in liquidità immediata

0
312
mattia russo agevola
Mattia Russo agevola

L’art.28 del D.L.n.34/2020 convertito, con modificazioni, dalla L. 126/2020, al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, riconosce ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, che hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente, un credito d’imposta, nella misura del 60% dell’ammontare mensile del canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.

In particolare, per le imprese turistico-ricettive il Credito d’imposta in argomento spetta in relazione al canone di locazione pagato per ciascuno dei mesi da marzo a dicembre 2020; l’art. 1 c. 602 della legge 178/2020 estende ulteriormente il Credito d’imposta al 30 aprile 2021.

Il credito d’imposta può, in situazioni normali, essere speso in vari modi.

I principali sono:

  • Pagare i canoni di locazione nel caso in cui il proprietario lo accetti.
  • Far fronte agli adempimenti fiscali (IVA, IRAP, contributi etc).

Nel caso in cui il proprietario dell’immobile non accetti il credito di imposta in pagamento (tipicamente per il fatto di non avere capacità fiscale), i gestori accumuleranno uno stock di credito che sarà eventualmente spendibile in un arco temporale piuttosto lungo. Si potrebbero quindi trovare nella situazione di avere un ammontare di credito di imposta superiore alle loro necessità correnti avendo allo stesso tempo esigenza di liquidità a breve termine.

Agevola Impresa & Finanza, in collaborazione con compagnie assicurative di primario standing, ha messo a punto una soluzione per consentire alle attività imprenditoriali maggiormente colpite dalla pandemia di smobilizzare tali crediti d’imposta a condizioni economicamente convenienti. In un momento di grande incertezza è probabilmente meglio avere liquidità sul conto per far fronte ad eventuali imprevisti piuttosto che un credito fiscale spendibile in futuro.

I vantaggi del credito d’imposta

L’avv. Mattia Russo, Presidente di Agevola Impresa & Finanza, ci indica quali sono i vantaggi del credito di imposta:

“Ha costi contenuti, non ci sono spese/commissioni accessorie, ha una procedura molto veloce. Dal momento in cui si decide di aderire firmando il contratto (standard) e si istruisce il trasferimento sul sito dell’Agenzia delle Entrate, il pagamento si riceve entro pochi giorni lavorativi (normalmente cinque giorni lavorativi). Inoltre, non è necessaria alcuna istruttoria e soprattutto, non contribuisce all’indebitamento della società, in quanto non comporta il pagamento di interessi”.

ALCUNI CODICI ATECO COINVOLTI SONO BAR, RISTORANTI, PISCINE, ALBERGHI, DISCOTECHE, DISTRIBUZIONE CINEMATOGRAFICA. Vi invitiamo a visionare la lista completa dei codici Ateco nell’Allegato 1 DL 137/2020 

Per ulteriori info:

info@agevolaimpresaefinanza.it

https://www.agevolaimpresaefinanza.it

LEGGI ANCHE: Nuove imprese a tasso 0, il bando per donne e Under 35

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here