mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomeNEWSAccordo di Parigi sul clima: tutto ciò che devi sapere

Accordo di Parigi sul clima: tutto ciò che devi sapere

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Se ne è parlato molto al recente G20, ma cosa stabilisce esattamente l’Accordo di Parigi?

L’accordo di Parigi ha tracciato un nuovo corso nello sforzo per combattere il cambiamento climatico globale, richiedendo ai paesi di assumere impegni e rafforzarli progressivamente. Ecco cosa cerca di ottenere l’accordo e perché il nostro futuro potrebbe dipendere dal suo successo.

“Un mondo più sicuro, più prospero e più libero”. Nel dicembre 2015, quello era l’allora presidente mondiale Barack Obama immaginava che avremmo lasciato i bambini di oggi quando annunciò che gli Stati Uniti, insieme a quasi 200 altri paesi, si erano impegnati nell’Accordo di Parigi sul clima, un ambizioso piano d’azione globale per combattere il clima.

Ma meno di due anni dopo, l’allora presidente Donald Trump ha messo a rischio quel futuro annunciando il suo piano per ritirare gli Stati Uniti dall’accordo – un passo che è diventato ufficiale il 4 novembre 2020 – come parte di un più ampio sforzo per smantellare decenni della politica ambientale statunitense. Fortunatamente, anche gli elettori americani hanno avuto voce in capitolo nel novembre 2020, mandando Joe Biden e Kamala Harris alla Casa Bianca.

Dopo l’ordine esecutivo del primo giorno del presidente Biden, gli Stati Uniti si sono ufficialmente uniti allo storico accordo di Parigi il 19 febbraio 2021, invitando il paese a far parte della soluzione globale per il clima. Nel frattempo, i leader di città e stati in tutto il paese e in tutto il mondo hanno intensificato gli sforzi per guidare i progressi dell’energia pulita necessari per raggiungere gli obiettivi dell’accordo e frenare i pericolosi cambiamenti climatici.

Ecco uno sguardo a cosa fa l’Accordo di Parigi, come funziona e perché è così fondamentale per il nostro futuro.

Che cos’è l’accordo di Parigi?

L’Accordo di Parigi è un accordo internazionale fondamentale che è stato adottato da quasi tutte le nazioni nel 2015 per affrontare il cambiamento climatico e i suoi impatti negativi. 

L’accordo mira a ridurre sostanzialmente le emissioni globali di gas serra nel tentativo di limitare l’aumento della temperatura globale in questo secolo a 2 gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustriali, pur perseguendo i mezzi per limitare l’aumento a 1,5 gradi. L’accordo include impegni da tutti i principali paesi emettitori ridurre il loro inquinamento climatico e rafforzare questi impegni nel tempo. 

Il patto fornisce un delle linee guida per le nazioni sviluppate per assistere le nazioni in via di sviluppo nei loro sforzi di mitigazione e adattamento al clima e crea un quadro per il monitoraggio trasparente, la segnalazione e il rafforzamento degli obiettivi climatici individuali e collettivi dei paesi.

Storia dell’accordo di Parigi

Discusso in due settimane a Parigi durante la 21a Conferenza delle Parti (COP 21) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e adottato il 12 dicembre 2015, l’Accordo di Parigi ha segnato un punto di svolta storico per l’azione globale per il clima, poiché i leader mondiali hanno raggiunto un consenso su un accordo composto da 195 nazioni per combattere il cambiamento climatico e adattarsi ai suoi impatti.

Il presidente Obama è stato in grado di far entrare formalmente gli Stati Uniti nell’accordo di diritto internazionale attraverso l’autorità esecutiva, poiché non ha imposto nuovi obblighi legali al paese. Il Paese ha aderito formalmente all’accordo nel settembre 2016 dopo aver presentato la sua proposta di partecipazione. L’accordo di Parigi sarebbe potuto entrare in vigore solo nel momento in cui almeno 55 nazioni, rappresentanti almeno il 55 percento delle emissioni globali, non si fossero formalmente unite. Ciò è accaduto il 5 ottobre 2016 e l’accordo è entrato in vigore 30 giorni dopo, il 4 novembre 2016.

Quanti paesi ci sono nell’accordo di Parigi?

Dal 2015, 197 paesi, quasi tutte le nazioni della terra, con l’ultimo firmatario della Siria dilaniata dalla guerra, hanno approvato l’Accordo di Parigi. Di questi, 190 hanno consolidato il loro sostegno con l’approvazione formale. I principali paesi che devono ancora aderire formalmente all’accordo sono Iran, Turchia e Iraq.

L’accordo di Parigi e Trump

A seguito di una promessa della campagna elettorale , Trump – un negazionista del clima che ha affermato che il cambiamento climatico è una “bufala” – ha annunciato nel giugno 2017 la sua intenzione di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi e ha ufficialmente ritirato la nazione il 4 novembre 2020- la prima data possibile ai sensi dell’accordo e un giorno dopo le elezioni presidenziali. Per fortuna, anche un ritiro formale può essere annullato poiché un futuro presidente può rientrare.

Nonostante l’annuncio di Trump nel 2017, gli inviati statunitensi hanno continuato a partecipare, come da mandato, ai negoziati delle Nazioni Unite sul clima per consolidare i dettagli dell’accordo. Nel frattempo, migliaia di leader a livello nazionale sono intervenuti per riempire il vuoto creato dalla mancanza di una leadership climatica federale, riflettendo la volontà della stragrande maggioranza degli americani che sostengono l’Accordo di Parigi.

Tra funzionari comunali e statali, imprenditori, università e privati ​​cittadini, c’è stata un’ondata di partecipazione a iniziative come America’s Pledge, United States Climate Alliance, We Are Still In e American Cities Climate Challenge. I movimenti complementari e talvolta sovrapposti mirano ad approfondire e accelerare gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico a livello locale, regionale e nazionale.

L’accordo di Parigi e Biden

Nel suo primo giorno in carica, il presidente Biden ha inviato una lettera alle Nazioni Unite, segnalando formalmente che gli Stati Uniti avrebbero aderito all’accordo di Parigi. Trenta giorni dopo (come è necessario), il 19 febbraio 2021, la nazione ha confermato la sua adesione.

Questa nuova era della leadership climatica statunitense rappresenta la nostra ultima e migliore possibilità di correggere la rotta nella corsa globale per affrontare il cambiamento climatico. In effetti, il piano climatico di Biden è il più completo mai intrapreso da un presidente degli Stati Uniti e intende radunare i leader internazionali per ridurre le emissioni in modo ancora più aggressivo rispetto agli obiettivi dell’accordo di Parigi. Mentre Biden e il vicepresidente Harris lottano per strappare la nazione dalla morsa della pandemia di COVID-19, possono farlo in modi che supportano la giustizia climatica e un’economia dell’energia pulita.

Riepilogo dell’accordo di Parigi

Il documento di 32 pagine stabilisce un quadro per l’azione globale per il clima, compresa la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, la comunicazione trasparente e il rafforzamento degli obiettivi climatici e il sostegno alle nazioni in via di sviluppo. Ecco cosa si propone di fare:

Limita l’aumento della temperatura globale riducendo le emissioni di gas serra.

Nel tentativo di “ridurre significativamente i rischi e gli impatti dei cambiamenti climatici”, l’accordo chiede di limitare l’aumento della temperatura media globale in questo secolo ben al di sotto dei 2 gradi Celsius, mentre prosegue gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi. Chiede inoltre ai paesi di lavorare per ottenere un livellamento delle emissioni globali di gas serra il prima possibile e per diventare neutrali in termini di emissioni di gas serra nella seconda metà di questo secolo. Nel 2018, il rapporto speciale dell’IPCC: riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius ha concluso che la differenza tra 1,5 e 2 gradi Celsius potrebbe significare sostanzialmente più povertà, caldo estremo, innalzamento del livello del mare, perdita di habitat e siccità.

Per raggiungere gli obiettivi originali dell’Accordo di Parigi, 186 paesi, responsabili di oltre il 90% delle emissioni globali, hanno presentato obiettivi di riduzione del carbonio, noti come “contributi determinati a livello nazionale” (INDC), prima della conferenza di Parigi. Questi obiettivi hanno delineato gli impegni di ciascun paese per la riduzione delle emissioni (anche attraverso la conservazione dei pozzi di assorbimento del carbonio ) fino al 2025 o 2030, compresi gli obiettivi di riduzione del carbonio a livello di economia.

Gli INDC si trasformano in NDC – contributi determinati a livello nazionale – una volta che un paese aderisce formalmente all’accordo. Non ci sono requisiti specifici su come o quanto i paesi dovrebbero ridurre le emissioni, ma ci sono state aspettative politiche sul tipo e sulla severità degli obiettivi da parte di vari paesi sulla base delle ultime scoperte scientifiche. Di conseguenza, i piani nazionali variano notevolmente per portata e ambizione, riflettendo in gran parte le capacità di ciascun paese, il suo livello di sviluppo e il suo contributo alle emissioni nel tempo. La Cina, ad esempio, si è impegnata a livellare le sue emissioni di carbonio entro il 2030. L’India ha puntato a ridurre l’intensità delle emissioni dal 33 al 35 percento rispetto ai livelli del 2005 e a generare il 40 percento della sua elettricità da fonti di combustibili non fossili entro il 2030.

Gli Stati Uniti, il più grande emettitore storico del mondo e il secondo più grande emettitore di corrente dopo la Cina, si erano impegnati a ridurre le emissioni complessive di gas serra del 26-28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025. Le iniziative statunitensi per raggiungere l’obiettivo includono il Clean Power Plan (un programma stato per stato per ridurre l’inquinamento da carbonio dal settore energetico) e l’inasprimento degli standard di risparmio di carburante per autoveicoli per ridurre le emissioni dei trasporti: entrambe politiche che l’amministrazione Trump ha combattuto duramente per annullare e che l’amministrazione Biden/Harris si è impegnata a rafforzare.

Fornire un quadro per la trasparenza, la responsabilità e il raggiungimento di obiettivi più ambiziosi.

L’Accordo di Parigi include una serie di misure obbligatorie per il monitoraggio, la verifica e la rendicontazione pubblica dei progressi verso gli obiettivi di riduzione delle emissioni di un paese. Le regole di maggiore trasparenza applicano quadri comuni per tutti i paesi, con sistemazioni e supporto forniti per le nazioni che attualmente non hanno la capacità di rafforzare i loro sistemi.

Tra gli altri requisiti, i paesi devono segnalare i propri inventari di gas serra e i progressi relativi ai propri obiettivi, consentendo ad esperti esterni di valutarne il successo. Ci si aspetta inoltre che i paesi rivedano i loro impegni e propongano obiettivi progressivamente più rigorosi ogni cinque anni, con l’obiettivo di ridurre ulteriormente le emissioni. Le nazioni devono partecipare a un ” inventario globale ” per misurare gli sforzi collettivi per raggiungere anche gli obiettivi a lungo termine dell’Accordo di Parigi. Nel frattempo, i paesi sviluppati devono anche stimare quanta assistenza finanziaria destineranno ai paesi in via di sviluppo per aiutarli a ridurre le emissioni e adattarsi agli impatti del cambiamento climatico.

Queste disposizioni in materia di trasparenza e responsabilità sono simili a quelle contenute nei quadri di altri accordi internazionali. Sebbene il sistema non includa sanzioni finanziarie, i requisiti mirano a rendere facile tracciare i progressi delle singole nazioni e a promuovere un senso di pressione globale tra pari, scoraggiando qualsiasi trascinamento tra i paesi che potrebbero considerare di farlo.

Mobilitare il sostegno per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo.

Riconoscendo che molti paesi in via di sviluppo e piccole nazioni insulari che hanno contribuito meno al cambiamento climatico potrebbero soffrire di più delle sue conseguenze, l’accordo di Parigi include un piano per i paesi sviluppati – e altri “in grado di farlo” – per continuare a fornire risorse finanziarie per aiutare i paesi in via di sviluppo a mitigare e aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici.

Ad esempio, l’impegno dell’India include la necessità di sradicare la povertà parallelamente alla diminuzione delle emissioni e all’aumento delle energie rinnovabili, come affrontare la povertà energetica e l’accesso in villaggi remoti che si affidano a generatori diesel. Con l’aiuto tecnologico e finanziario dei paesi più ricchi, importanti obiettivi incentrati sull’equità come questi possono essere a portata di mano.

L’accordo di Parigi si basa sugli impegni finanziari dell’accordo di Copenaghen del 2009, che mirava ad aumentare i finanziamenti pubblici e privati ​​per il clima per le nazioni in via di sviluppo a $ 100 miliardi all’anno entro il 2020. Il patto di Copenaghen ha anche creato il Fondo verde per il clima per aiutare a mobilitare finanziamenti privati ​​trasformativi utilizzando dollari pubblici mirati.

L’accordo di Parigi ha stabilito l’aspettativa che il mondo avrebbe fissato un obiettivo annuale più elevato entro il 2025 per costruire l’obiettivo di 100 miliardi di dollari per il 2020 e avrebbe messo in atto meccanismi per raggiungere tale aumento. Sfortunatamente, i contributi collettivi continuano a essere insufficienti, raggiungendo circa 79 miliardi di dollari nel 2019.

Sebbene le nazioni sviluppate non siano legalmente obbligate a contribuire con un importo specifico agli sforzi di mitigazione e adattamento dei paesi in via di sviluppo, sono incoraggiate a fornire supporto finanziario e sono tenute a riferire sui finanziamenti che forniscono o mobiliteranno.

Credits immagine: Unsplash

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img