TALARICO: IN AUTUNNO BASTA TONI TRISTI, IL PREMIER CONTE TUTTI I GIORNI CON LE MIE CRAVATTE

Maurizio Talarico, dal 1999, disegna, colora e realizza eleganza. Le sue cravatte rappresentano una vera  e propria “istituzione” per i vip, dentro e fuori il Palazzo. In Italia e all’Estero. Il presidente del Consiglio, Conte, sfoggia tutti i giorni una cravatta Talarico. Imprenditore calabrese, ha il suo atelier nel centro di Roma, a via dei Coronari, sempre affollato di volti noti alla ricerca del gusto e della qualità.

D. Dopo un’estate calda e afosa si sta avvicinando l’autunno. Quale sarà il must irrinunciabile?

Indubbiamente la cravatta. E una pennellata di colore in una stagione dai toni “tristi” della natura protegge con eleganza dal freddo e trasmette stile”, cosi’ esordisce Talarico

Elemento indispensabile in contesti istituzionali e diplomatici, la cravatta rappresenta il carattere distintivo del personaggio politico. In passato un ex Presidente della Camera addirittura sdoganò il colore rosa

D. Un nuovo e travagliato governo in carica: quale il colore della cravatta che consiglierebbe all’esecutivo rosso-giallo?

“Credo che non ci sia un colore –sottolinea Talarico- che identifichi un governo. 

La cravatta è, da sempre, bipartisan” 

Il secondo governo Conte ha portato alla ribalta non solo i colori sobri del Premier ma un tratto distintivo ed elegante di origine francese, la pochette

D. Il Conte bis e’ stato, ironicamente, ribattezzato “la rivoluzione della pochette”. Ci spiega origine, storia e occasioni ad hoc per indossarla? 

“La pochette apparve subito dopo la creazione della forma della cravatta di oggi ma, illo tempore, la cravatta era diversa nelle misure” -spiega Talarico.

“Apparve nei primi del 900 di colore bianco. Fu un elemento decorativo, usato in Francia. 

Alcuni l’utilizzavano anche per pulire gli occhiali. 

La pochette deve essere rigorosamente in lino per il colore bianco, lo prediligo al cotone o alla seta, che invece va bene nella fantasia. Mai abbinarlo uguale al disegno della cravatta ma avvicinarsi ai colori della stessa”, rimarca Talarico 

D. L’ha consigliata lei al Premier Conte? E’ una delle sue creazioni?

“No, non la ho suggerita io”, precisa Talarico.

“Il presidente Conte la usa da molto tempo. Ho invece inventato il nodo della pochette. Una guida con video su youtube indica il processo di esecuzione. 

Per chi è curioso di sapere come si realizza un nodo alla pochette  basta scrivere sul motore di ricerca: nodo pochette Talarico.

Al premier fornisco le cravatte che abitualmente e quotidianamente indossa”, nota con orgoglio Talarico. 

D. Il made in Italy è sempre molto richiesto all’estero?

Talarico cravatte su quale Paese punterebbe?

“Il made in Italy detta le regole nel mondo della moda. 

I mercati orientali, soprattutto il Giappone, apprezzano molto le nostre produzioni.

Anche gli Emirati continuano ad essere un importante mercato ancora da ampliare” , puntualizza  Talarico. 

“Considero l’Oriente un’ottima opportunità di sviluppo e noto che, a differenza dei russi, più che noti brand della moda, in questi paesi richiedono artigiani: dal camiciaio al sarto, dal produttore di scarpe alle cravatte”, conclude Talarico.