lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeAZIENDEI 5 principi dell'edilizia sostenibile

I 5 principi dell’edilizia sostenibile

- Pubblicità -
- Pubblicità -

L’edilizia sta gettando le basi per una tipologia di costruzione sostenibile, basata sull’efficienza delle risorse e sull’eco-design. Il termine “costruzione sostenibile” viene solitamente utilizzato per descrivere un processo che inizia molto prima della costruzione, nelle fasi di pianificazione e progettazione e continua una volta gettate le fondamenta. Ecco perché è necessario saperne di più sui principi dell’edilizia sostenibile.

Gli obiettivi principali della progettazione sostenibile sono ridurre, o evitare completamente, l’esaurimento di risorse critiche come energia, acqua, terra e materie prime, prevenire il degrado ambientale causato da strutture e infrastrutture durante tutto il loro ciclo di vita e creare ambienti costruiti che siano abitabili, confortevoli, sicuro e produttivo.

Gli edifici utilizzano risorse, generano rifiuti, emettono emissioni atmosferiche potenzialmente dannose e cambiano radicalmente la funzione del terreno e la capacità di quel terreno di assorbire e catturare l’acqua sul terreno. Proprietari, progettisti e costruttori affrontano sfide uniche nel soddisfare le esigenze di strutture nuove e rinnovate che siano accessibili, sicure, sane e produttive, riducendo al minimo gli impatti negativi sulla società, l’ambiente e l’economia.

5 principi dell’edilizia sostenibile

La definizione di progettazione di edifici sostenibili si evolve nel tempo, ma persistono sei principi fondamentali dell’edilizia sostenibile.

1. Ottimizzare le potenzialità del sito

Questo è il primo dei principi dell’edilizia sostenibile. Gli edifici sostenibili iniziano con una corretta selezione del sito. L’ubicazione di un edificio influisce su una vasta gamma di fattori ambientali, nonché su altri fattori come la sicurezza, l’accesso, il consumo energetico dell’edificio e l’energia consumata dalle esigenze di trasporto degli occupanti per recarsi al lavoro, gli impatti sull’ecosistema locale e l’uso / riutilizzo di strutture o infrastrutture esistenti.

2. Ottimizzare il consumo di energia

Gli edifici utilizzano il 36% del consumo energetico annuo e il 65% della domanda di elettricità. Inoltre, secondo l’ENEA, gli edifici rappresentano il 30% dell’anidride carbonica totale (CO2, che è il principale gas serra associato al riscaldamento globale), il 49% dell’anidride solforosa e il 25% degli ossidi di azoto emessi in Italia.

Durante la progettazione e lo sviluppo di un edificio, un approccio globale e integrato deve essere applicato al processo per:

  • Ridurre la domanda di riscaldamento, raffreddamento e illuminazione attraverso strategie passive come la progettazione sensibile al clima, l’illuminazione naturale e le pratiche di conservazione.
  • utilizzare sistemi HVAC e di illuminazione efficienti che tengano conto delle condizioni di carico parziale e dei requisiti dell’interfaccia aziendale.
  • Utilizzare fonti di energia rinnovabili, come il solare termico per l’acqua calda, l’energia fotovoltaica, il riscaldamento geotermico degli ambienti e il raffreddamento delle acque sotterranee, dimensionate per la riduzione dei carichi sull’edificio.

3. Proteggere e conservare l’acqua

In molte parti del mondo, l’acqua dolce è una risorsa sempre più scarsa. Poiché l’edilizia cambia radicalmente la funzione ecologica e idrologica dei terreni non edificati, un edificio sostenibile dovrebbe cercare di ridurre al minimo l’impatto ambientale utilizzando l’acqua in modo efficiente e riutilizzando o riciclando l’acqua per l’uso in loco, quando possibile.

4. Migliorare la qualità ambientale interna (IEQ)

La composizione dei materiali utilizzati in un edificio è un fattore importante nell’impatto ambientale del suo ciclo di vita. L’edilizia sostenibile deve aprire la strada all’utilizzo di materiali e processi più ecologici che non inquinano o contribuiscono inutilmente al flusso di rifiuti, influiscono negativamente sulla salute e non esauriscono le risorse naturali limitate.

Dalle fasi di progettazione concettuale e sviluppo del design, i team di progettazione di costruzione / ristrutturazione dovrebbero avere una prospettiva completa e integrata e cercare di:

  • Recuperare e utilizzare strutture, prodotti e attrezzature esistenti quando possibile.
  • Ridurre l’uso complessivo del materiale attraverso l’ottimizzazione delle dimensioni e del modulo dell’edificio.
  • Quando si utilizzano nuovi materiali, massimizzare il loro contenuto riciclato, soprattutto dal punto di vista post-consumo.

5. Ottimizzare le pratiche operative e di manutenzione

L’ultimo dei principi dell’edilizia sostenibile afferma che non importa quanto sia sostenibile un edificio nella sua progettazione e costruzione, può dare vantaggi all’ambiente solo se gestito in modo responsabile e correttamente mantenuto. Ad esempio, l’uso di prodotti per la pulizia tossici può deteriorare la qualità dell’aria interna.

Le operazioni sostenibili e le pratiche di manutenzione si concentrano principalmente sulle azioni degli occupanti dell’edificio e comprendono salute e sicurezza, comfort e produttività, con una comprensione della necessità per le generazioni successive di riutilizzare e riciclare i componenti di costruzione.

Questi obiettivi fanno parte della mission di Distretti Ecologici, una realtà che sviluppa progetti e soluzioni per il sostegno e la crescita di privati, aziende e istituzioni verso la transizione energetica e la riconversione green, fondamento necessario per il futuro di tutti. Il suo scopo è quello di sfruttare al meglio tutte le opportunità che il governo e l’Europa ci mette a disposizione, grazie a incentivi come il superbonus o i piani previsti dal PNRR.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com