lunedì, Ottobre 3, 2022
HomeEVIDENZAPerché i politici italiani si rivolgono improvvisamente a TikTok per corteggiare gli...

Perché i politici italiani si rivolgono improvvisamente a TikTok per corteggiare gli elettori?

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e altri importanti politici italiani hanno fatto il loro debutto su TikTok questa settimana a poche settimane dalle elezioni, ma questo influenzerà gli elettori più giovani?

A poco più di tre settimane dalle elezioni generali di domenica 25 settembre, i leader politici stanno portando la loro campagna su TikTok, la piattaforma di condivisione video amata dagli adolescenti e che conta 16 milioni di utenti italiani.

Gli ex premier Silvio Berlusconi (leader di Forza Italia) e Matteo Renzi (leader di Italia Viva) sono stati tra coloro che si sono uniti al canale nei giorni scorsi, pubblicando video introduttivi ampiamente condivisi online, molto probabilmente grazie al loro valore di intrattenimento.

L’85enne Berlusconi, che probabilmente non è mai stato uno che si sottrae alle telecamere, ha aperto il suo primo messaggio ufficiale agli altri TikToker con un gioviale “Ciao ragazzi, eccomi qui!”.

Filmato seduto dietro una scrivania con indosso giacca e cravatta, ha continuato a congratularsi con il suo nuovo pubblico per la loro giovane età – qualcosa di cui ha ammesso di essere “un po’ geloso” – e ha esposto brevemente il suo programma politico, impegnandosi a “creare nuove opportunità ” per gli under 30.

Il video ha suscitato una diffusa presa in giro online, con battute fatte sulla sua abbronzatura permanente: “Silvio, che fondotinta indossi?” 

E’ seguito presto un secondo video, con Berlusconi che raccontava una barzelletta autoironica che coinvolgeva il presidente russo Vladimir Putin, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e papa Francesco. Entrambi i video si sono conclusi con lui che muoveva la testa da una parte all’altra mentre salutava “su Tik Tok”, gesto che sembra destinato a diventare virale.

Nel frattempo, il video di Renzi è stato ampiamente condiviso grazie a un momento di brillantezza comica in cui ha preso in giro la propria scarsa conoscenza della lingua inglese e i suoi messaggi politici notoriamente contorti.

Altri nuovi utenti di TikTok questa settimana includevano Giovanni Toti (leader di Cambiamo!) e Alessandro Zan (un importante deputato del Partito Democratico noto per il suo attivismo LGBT). Tuttavia, i primi pionieri della “politica TikTok” sono stati Giorgia Meloni (leader dei Fratelli d’Italia), Matteo Salvini (leader della Lega) e Carlo Calenda (leader di Azione).

Quindi ora che sul palco sono sbarcati quasi tutti i vertici dei maggiori partiti politici del Paese, potresti legittimamente chiederti perché la classe politica italiana – che non si è mai distinta per spirito di innovazione né per la giovane età dei suoi membri – si è spostata in massa su una piattaforma in gran parte popolata da adolescenti e giovani adulti.

Sebbene non siamo nella posizione di mettere in dubbio l’autenticità dei desideri dei leader italiani di essere al passo con i tempi, è probabile che la mossa sia dovuta alla crescente importanza dei giovani elettori per il loro successo elettorale.

Si ritiene che molti degli elettori ancora indecisi in Italia rientrino nella fascia di età che costituisce gran parte del pubblico di TikTok.

Secondo le stime dell’istituto di ricerche di mercato Istituto Piepoli, solo il 48 per cento degli elettori di età inferiore ai 35 anni si presenterà al seggio il 25 settembre, con un aumento di appena un magro tre per cento rispetto alle elezioni del 2018, quando il 45 per cento degli under 35 votato.

È molto difficile, quindi, non vedere il recente debutto di TikTok come un ultimo disperato tentativo da parte dei leader italiani di entrare in contatto con un gran numero di cittadini italiani che sono stati a lungo disinteressati alla politica.

C’è anche il fatto che l’età per votare al Senato è in discesa. Fino all’anno scorso non tutti gli italiani maggiorenni potevano partecipare a pieno titolo alle elezioni del Paese in quanto gli elettori dovevano avere più di 25 anni per votare per i senatori. La situazione è cambiata con una riforma approvata dal parlamento nel luglio 2021, il che significa che altri 3,8 milioni di elettori di età compresa tra i 18 ei 25 anni potranno votare per i loro rappresentanti sia alla camera che al senato nelle prossime elezioni.

Quindi, supponendo che i video di TikTok siano l’ultimo tentativo dei leader politici di attirare questi elettori indecisi, la mossa sta funzionando?

A sole 12 ore dalla pubblicazione del primo video TikTok di Berlusconi, aveva già raccolto fino a 300.000 Mi piace, 18.000 commenti e 64.000 condivisioni. Anche se in misura molto minore, anche gli altri leader hanno goduto di numeri favorevoli.

Mentre i leader del partito sembrano diventare più consapevoli dell’importanza degli elettori più giovani, dovremo aspettare e vedere se i Mi piace e le condivisioni di TikTok si tradurranno in voti e successo elettorale.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com