domenica, Maggio 29, 2022
HomeEVIDENZALa Banca Mondiale rivede al ribasso le stime di crescita globali

La Banca Mondiale rivede al ribasso le stime di crescita globali

- Pubblicità -
- Pubblicità -

La Banca Mondiale taglia le stime di crescita globali: dal 4,1% al 3,2%. Le ragioni di questa previsione sono legate alla guerra tra Russia e Ucraina. Lo ha detto il presidente della Banca Mondiale, David Malpass, che al contempo ha annunciato un pacchetto di misure da 170 miliardi di dollari, maggiore di quello dispiegato per il Covid da 157 miliardi, per aiutare i suoi membri ad affrontare le crisi in corso. Per l’Ucraina è stato stanziato quasi 1 miliardo di dollari in finanziamenti di emergenza e altri 1,5 miliardi di dollari andranno a sostenere i servizi governativi essenziali.

Si seguito, le dichiarazioni di Malpass:

Iniziamo gli Incontri di Primavera affrontando gravi crisi sovrapposte. C’è il COVID-19, l’inflazione e l’invasione russa dell’Ucraina.

Sono profondamente preoccupato per i paesi in via di sviluppo. Stanno affrontando improvvisi aumenti dei prezzi di energia, fertilizzanti e cibo e la probabilità di aumenti dei tassi di interesse. Ognuno li colpisce duramente.

Questi, più la guerra in Ucraina e le chiusure legate al COVID in Cina, stanno spingendo i tassi di crescita globale ancora più bassi e i tassi di povertà più alti.

Abbiamo abbassato il nostro tasso di crescita del 2022 al 3,2% dal 4,1% di prima. Le persone stanno affrontando capovolgimenti nello sviluppo per l’istruzione, la salute e l’uguaglianza di genere. Stanno affrontando una riduzione dell’attività commerciale e del commercio. Inoltre, le crisi del debito e il deprezzamento della valuta hanno un peso che grava pesantemente sui poveri.

Molte discussioni di questa settimana si concentreranno su questi argomenti.

Per l’Ucraina, abbiamo mobilitato quasi 1 miliardo di dollari in finanziamenti di emergenza e abbiamo annunciato altri 1,5 miliardi di dollari per sostenere i servizi governativi essenziali. Ho fatto quell’annuncio in Polonia la scorsa settimana.

Voglio dedicare qualche minuto alla questione dell’insicurezza alimentare. Di recente sono stato al World Water Forum in Senegal, e poi ho visitato il Marocco. Entrambi i paesi stanno risentendo dell’impennata dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti utilizzati per produrre cibo. Questo è un problema intenso.

Le crisi alimentari fanno male a tutti, ma sono devastanti per i più poveri e vulnerabili. Ci sono due ragioni. In primo luogo, i paesi più poveri del mondo tendono ad essere paesi importatori di cibo. In secondo luogo, il cibo rappresenta almeno la metà della spesa totale nei bilanci delle famiglie nei paesi a basso reddito, quindi li colpisce più duramente.

La scorsa settimana mi sono unito a Kristalina (Georgieva, amministratore delegato del FMI), Ngozi (Okonjo-Iweala, direttore generale dell’OMC) e David Beasley (direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite) in una dichiarazione congiunta sull’insicurezza alimentare. Volevamo evidenziare il problema e aiutare il coordinamento. I paesi devono agire ora per incoraggiare la produzione di cibo, energia e fertilizzanti. La filiera ha bisogno di tutti e tre. È fondamentale per i paesi, sia avanzati che in via di sviluppo, ridurre le loro barriere commerciali.

Il commercio globale è ancora soggetto a quote, dazi all’importazione elevati, dazi all’esportazione elevati, sussidi ai prezzi alimentari costosi e persino divieti all’esportazione di prodotti alimentari. Questi dovrebbero fermarsi. La comunità internazionale deve rafforzare immediatamente l’assistenza di emergenza per l’insicurezza alimentare e contribuire a rafforzare le reti di sicurezza sociale. Dal punto di vista della Banca Mondiale, stiamo fornendo circa 17 miliardi di dollari all’anno per rafforzare la sicurezza alimentare, una parte importante dello sforzo globale.

Passerò brevemente alla risposta al COVID-19, che è ancora in corso. Il Gruppo della Banca Mondiale ha ampliato rapidamente i nostri finanziamenti, raggiungendo 157 miliardi di dollari nei 15 mesi terminati a giugno 2021. I vaccini sono stati una parte importante di questo sforzo. Ora prevediamo di aver impegnato 11 miliardi di dollari per l’acquisto e la distribuzione di vaccini nel nostro attuale anno fiscale che termina il 30 giugno, a beneficio di 81 paesi. Questo è stato uno sforzo enorme da parte delle nostre squadre nazionali in tutto il mondo e ha portato centinaia di milioni di colpi alle armi.

Nelle prossime settimane, prevedo di discutere con il nostro consiglio una nuova busta di risposta alla crisi di 15 mesi di circa $ 170 miliardi per coprire aprile 2022 fino a giugno 2023. Prevediamo di impegnare circa $ 50 miliardi di questo importo nei prossimi tre mesi. Questa è una risposta alla crisi continua e massiccia data la continuazione della crisi. Ad aiutare questo sforzo è stato il caricamento frontale di IDA19. IDA è stata una parte fondamentale di quello che è stato un aumento dei record. Inizieremo IDA20 il 1° luglio, mettendo a disposizione dei paesi IDA, i più poveri, 93 miliardi di dollari.

Nell’ambito del nostro ampliamento, abbiamo aumentato i nostri finanziamenti per il clima e il supporto tecnico a oltre 26 miliardi di dollari nel solo anno fiscale 2021. Questo è il nostro livello più alto di sempre. La rete elettrica e il carico di base sono stati argomenti chiave nelle mie visite in Polonia e Romania la scorsa settimana. Prendo atto che nelle ultime settimane l’Ucraina ha sincronizzato la sua rete elettrica con l’Europa occidentale, il che è un passo avanti verso il miglioramento della rete elettrica per l’Europa occidentale.

Voglio dire alcune parole su debito e inflazione. Questi sono due grandi problemi che devono affrontare la crescita globale. A causa degli elevati livelli di debito e disavanzo, i paesi sono sottoposti a forti tensioni finanziarie. Il 60% dei paesi a basso reddito è già in difficoltà di debito o ad alto rischio. Ho partecipato virtualmente alla nostra conferenza del 13 aprile sulla trasparenza e la sostenibilità del debito e ho suggerito misure per migliorare l’attuazione del Quadro comune. Questi includevano:

1. Stabilire una tempistica per la formazione dei comitati dei creditori.

2. Sospensione dei pagamenti del servizio del debito e interessi di mora.

3. Idoneità in espansione.

4. Una regola semplice perché possa essere valutata e applicata.

5. Coinvolgere i creditori commerciali all’inizio del processo.

Prevediamo che la crisi del debito continuerà a peggiorare nel 2022.

Voglio passare ora al problema dell’inflazione, che sta causando enormi tensioni. Le politiche devono essere adattate per migliorare l’offerta, non solo per aumentare la domanda. I mercati sono lungimiranti, quindi è fondamentale che i governi e i settori privati ​​affermino che l’offerta aumenterà e che le loro politiche promuoveranno la stabilità valutaria per ridurre l’inflazione e aumentare i tassi di crescita. Ciò è particolarmente importante poiché le catene di approvvigionamento globali si allontanano dalla dipendenza.

Le banche centrali devono utilizzare più strumenti nell’ambito delle politiche attuali. Il divario di disuguaglianza si è notevolmente ampliato, con ricchezza e reddito concentrati in segmenti ristretti della popolazione globale. Gli aumenti dei tassi di interesse, se questo è lo strumento principale, si aggiungeranno alla sfida della disuguaglianza che il mondo sta affrontando.

Le banche centrali possono utilizzare più dei loro strumenti, non solo i tassi di interesse. Il capitale è stato allocato in modo errato ora. Uno dei punti focali dovrebbe essere l’utilizzo di tutti gli strumenti della banca centrale in modo che il capitale sia allocato in modo da contribuire ad aumentare l’offerta. Sarà un modo efficace per affrontare l’inflazione. Alcuni degli strumenti includono:

  • Modifica della durata del proprio portafoglio; sarebbe molto utile accorciarlo.
  • Incoraggiare la fornitura attraverso le loro politiche di regolamentazione.
  • Fornire indicazioni prospettiche che promuovono la stabilità valutaria.
  • Anche altri strumenti per affrontare con forza il problema dell’inflazione.

Un ultimo punto e poi vedrò se ci sono domande. Di recente ho partecipato a importanti incontri sulla fragilità a Bruxelles e alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Oltre all’elevata priorità necessaria per la produzione di energia e cibo, dobbiamo fare uno sforzo globale per rafforzare la sicurezza e la stabilità. Ciò implica un impegno per la sicurezza e la pace. Implica sforzi costanti per rafforzare le istituzioni per migliorare il loro coordinamento e per aumentare il tenore di vita.

Volevo concludere con questo perché ho viaggiato molto di recente. Questo problema di fragilità è un grave rischio all’interno del mondo in via di sviluppo. Non vedo l’ora di discutere tutti questi argomenti con i nostri azionisti e i paesi membri nelle riunioni di primavera. E con questo, sarò felice di rispondere a qualsiasi domanda. Grazie.”

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com