giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeAZIENDEIsolanti termici ecologici e sostenibili

Isolanti termici ecologici e sostenibili

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Come abbiamo già affrontato parlando dei materiali utilizzati nell’edilizia sostenibile, ci sono molti isolanti ecologici e proprio verso questi il futuro dell’edilizia dovrebbe essere indirizzato.

Le caratteristiche comuni degli isolanti ecologici sono:

  1. Salubrità. Si tratta di materiali naturali non tossici che non contengono plastica o componenti derivati dal petrolio o sostanze o additivi che possono essere dannosi per la salute.
  2. Sono durevoli, riciclabili e biodegradabili.
  3. Richiedono un consumo energetico minimo per la loro fabbricazione.
  4. Hanno una grande capacità di isolamento termico. Cioè, sono scarsi trasmettitori di calore o, in altre parole, la loro conduttività termica è molto bassa (*).

(*) Il Coefficiente di Conducibilità Termica definito come ʎ= W/m·K (Watt per metro e grado Kelvin), è il parametro che identifica la capacità di un materiale come trasmettitore di calore, qualificandolo come isolante (bassissima conducibilità) o conduttivo (alta conducibilità). Negli isolanti tipici, come l’aria o il sughero, questo coefficiente si muove in valori compresi tra 0,02 e 0,05 W/m·K. D’altra parte, metalli come ferro o argento, che sono buoni conduttori di calore, hanno coefficienti di conducibilità termica compresi tra 80 e 400 W / m.K.

In Spagna, c’è una grande mancanza di conoscenza su questo tipo di isolamento e, quel che è peggio, sugli effetti sulla salute e sull’ambiente di molti degli isolanti comunemente usati nelle costruzioni. Pertanto, da questo blog vogliamo iniziare a promuovere l’uso di questi isolanti tra i quali possiamo evidenziare quanto segue:

Sughero

Il sughero è un materiale naturale al 100%che proviene dalla corteccia delle querce da sughero, alberi che crescono nelle zone a clima mediterraneo. La sua produzione è sostenibile poiché anche durante la sua estrazione la generazione di rifiuti è bassa. La quercia da sughero rinnova la sua corteccia ogni 9-12 anni, e questo permette di ottenere il sughero senza danneggiare l’albero.

La sua struttura sotto forma di celle poliedriche, che sono praticamente vuote all’interno, gli conferisce proprietà impermeabili e isolanti sia termiche (conducibilità di 0,041 W / m·K) che acustiche straordinarie.

Come isolante viene commercializzato in lastre agglomerate realizzate attraverso pressione e calore senza utilizzare alcun tipo di colla. Può anche essere trovato sotto forma di trucioli, granulato o schiacciato per riempire cavità e persino proiettato su facciate e tetti, pavimenti e pareti. Il sughero potrebbe avere come svantaggio la sua limitata resistenza al fuoco (Euroclasse E). Tuttavia, i pannelli isolanti sono attualmente sottoposti a un trattamento ignifugo che aumenta notevolmente la loro resistenza al fuoco, rendendoli ideali per l’edilizia sostenibile.

La tendenza ad utilizzare questo materiale sta crescendo, anche se utilizzato come rivestimento di facciata nella costruzione di edifici.

Lana di pecora

Questo materiale è stato usato per secoli come isolante termico. Le sue eccellenti proprietà igroscopiche gli permettono di assorbire l’umidità ambientale o di rilasciarla in base alla temperatura ambiente, agendo così come un regolatore di temperatura naturale in modo simile a come agisce il sudore nel nostro corpo: quando la temperatura esterna aumenta, le fibre si riscaldano e rilasciano umidità che, una volta evaporata, sottrae calore all’ambiente. Al contrario, in inverno le fibre si raffreddano, assorbono umidità (può assorbire un terzo del suo peso in umidità senza perdere la sua capacità isolante) e, così facendo, emettono calore.

Tuttavia, la lana come materiale isolante deve essere sottoposta a trattamenti di pulizia e protezione contro l’attacco degli xilofagi e contro la falena con borato di sodio.

È un materiale ecologico e rinnovabile al 100% poiché proviene dalla necessaria e regolare tosatura dell’animale durante la sua vita. La sua conducibilità termica, in coperta, è molto bassa: circa 0,038 W / m ·K. Come i fogli di sughero, i fogli di lana possono essere sottoposti a trattamenti ignifughi.

 

Canapa

Questa fibra naturale di facile semina e crescita rapida, non avendo sostanze nutritive nel suo gambo, non ha bisogno di essere fumigata o l’uso di fertilizzanti chimici. Inoltre, l’assorbimento di CO2 durante la sua crescita gli conferisce caratteristiche particolarmente sostenibili.

Ha eccellenti proprietà di isolamento acustico e termico con una conducibilità di soli 0,041 W/m·K. È commercializzato sotto forma di lastre realizzate con fibre. E, con il surplus legnoso che rimane dopo aver separato la fibra, le malte alleggerite sono fatte per fare muri o mattoni.

Cellulosa

L’isolamento termico a base di cellulosa è realizzato con rifiuti di carta (fondamentalmente carta di giornale). Questa carta è macinata e trattata con sali di borace che forniscono proprietà ignifughe, insetticide e antifungine. Ciò si traduce in piccole fibre che possono essere soffiate negli spazi tra pareti e soffitti. Un’altra opzione è quella di premerli per formare coperte isolanti con cui coprire quegli stessi fori, ottenendo così un alto grado di isolamento termico e acustico.

Richiede poca energia per la produzione e il prodotto finale è leggero, con un coefficiente di conducibilità termica di 0,042 W / m·K. Si tratta, quindi, di un’altra buona alternativa per l’isolamento sostenibile.

Pannelli di fibra di legno

I pannelli di fibra di legno sono prodotti con un processo a umido, da fibre di legno provenienti dal 90% dei residui di taglio nelle foreste più pulite d’Europa e dal 10% dai residui dell’industria del legno. Possono essere posizionati su pareti, pareti divisorie, soffitti e lastre.

La struttura porosa delle sue fibre favorisce la diffusione del vapore, che conferisce loro buone caratteristiche isolanti. Ma, in aggiunta, hanno la particolarità che questi pannelli sono in grado di assorbire le onde sonore e migliorare notevolmente lo smorzamento del rumore da impatto. In modo che possano mostrare la loro capacità isolante ottimale, è conveniente montarli allo stato asciutto.

L’aria

Abbiamo menzionato l’aria prima come esempio di un magnifico isolante termico perché il suo coefficiente di conduttività termica è dell’ordine di 0,025 W / m ·K. Cioè, inferiore a qualsiasi dei materiali presentati sopra. Inoltre, è senza dubbio il più economico di tutti perché il suo utilizzo è gratuito ed è una barriera naturale contro il fuoco. Tuttavia, è allo stesso tempo un magnifico trasmettitore di suono, quindi la sua utilità come isolante acustico è nulla. Se la nostra casa si trovasse completamente isolata in campagna e i rumori della natura (o dei bambini che giocano in giardino) non ci disturbassero, potrebbe essere un’opzione di isolamento termico molto economica ed efficiente. Ma dal punto di vista acustico sarebbe disastroso. Pertanto, nella ricerca di soluzioni integrali, uno qualsiasi dei precedenti è più appropriato.

Si consiglia quando si opta per l’uno o l’altro prodotto, è quello di contattare un’azienda specializzata in Edilizia Sostenibile come Distretti Ecologici, che vi consiglierà l’isolamento ecologico ideale a seconda delle caratteristiche del vostro progetto.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com