In uscita “ you are your brand” il nuovo libro di Andrea Di Maso

Per tutti quelli che ignorano di essere un brand allora il libro in uscita di Andrea Di Maso è perfetto perché nelle numerose pagine si parla di noi, del nostro valore, di come riconoscerlo e capitalizzarlo. Dietro al nostro brand non c’è solo la possibilità di sviluppare un business per la nostra azienda o di diventare un punto di riferimento nel nostro settore acquisendo autorevolezza, c’è molto altro: c’è la possibilità di cambiare vita e di impegnarci in qualcosa che abbia valore per noi e per gli altri permettendoci di esprimere quanto di meglio abbiamo da offrire in termini di abilità ed esperienza.

Come afferma Tom Peters, esperto di management strategico, “Ognuno ha la possibilità di essere un marchio degno di nota”. Attenzione però… si tratta di “possibilità”. Perciò, se siamo tra quelli che hanno scelto di concedersi questa opportunità vuol dire che siamo pronti a scommettere sulla nostra vita e a darci da fare, perché niente ci viene dato in partenza se non la nostra vocazione, il nostro talento da sviluppare. Eh già, il più delle volte le nostre potenzialità sono assopite, inespresse, ignorate. Come ci ricorda ancora una volta Tom Peters, per diventare un marchio degno di nota bisogna “imparare, migliorare e sviluppare le proprie abilità”.

Cosa significa essere un marchio degno di nota? Iniziamo con il precisare che non ha niente a che fare con il concetto di mercificazione e i codici a barre. Non siamo merce, non siamo robot, siamo persone umane e in quanto tali siamo portatori di valore. Anche la scienza ce lo conferma. Nell’era del “always on, always in”, dove siamo sempre connessi e sempre in rete, la brand reputation o l’identità digitale sono fondamentali, qualsiasi sia la nostra professione. Trascurare la propria identità digitale significa perdere clienti, denaro e bruciare opportunità. Innovativi i test che troveremo nei capitoli salienti a cura della brand journalist Raffaella Rosa.

Dovrebbe uscire a Novembre e non vediamo l’ora di sfogliare il quarto lavoro del nostro editore, e come sempre gli facciamo il nostro in bocca al lupo per questa nuova iniziativa.