Il potere dei media

La comunicazione pubblicitaria è fondamentale per un imprenditore, ma non deve essere confusa con l’informazione. Per raggiungere il successo è importante riuscire ad ottenere una certa visibilità all’interno del nostro mercato di riferimento. La scelta migliore è, senza dubbio, quella di affidarsi alla comunicazione pubblicitaria, ma non dobbiamo trascurare l’universo dei mass media nei suoi molteplici aspetti di giornali, riviste di settore, web, radio e tv, il cui potere è più che rinomato.

Comunicare e informare non sono la stessa cosa, anche se si tratta di due facce della medesima medaglia. Sull’argomento esiste una vasta letteratura, perciò mi limiterò solamente ad evidenziare quella che è la principale differenza tra le due realtà. Informare significa, essenzialmente, trasmettere contenuti, recapitare un messaggio.

Nel passaggio tra emittente e destinatario, il feedback non è diretto. Il comunicare, invece, va oltre lo scambio di una notizia, il feedback è diretto nel senso che c’è un’interazione simultanea tra chi trasmette e chi riceve. Pertanto, più questo coinvolgimento è presente, tanto più la comunicazione sarà efficace. In questa differenza è insita la chiave per comprendere il funzionamento e i meccanismi della stampa. Trascurarli o ignorarli è un’ingenuità che un imprenditore non può concedersi e che potrebbe tradursi in un’azione sprovveduta le cui conseguenze potrebbero essere addirittura controproducenti. Ed è proprio quello che mi è accaduto tante volte.