Il Futuro è adesso!

0
91

La rivoluzione digitale è un fenomeno trasversale e intergenerazionale che non ha escluso nulla, dall’economia al lavoro, dall’istruzione alla cultura, dalla politica al tempo libero.

Grandi aziende, piccoli artigiani, scuole, biblioteche, comuni. La connessione in rete ha mutato il tessuto sociale ed economico in tutti i settori della nostra vita. Ha cambiato le nostre abitudini, il nostro stile di vita.

L’avvento del digitale può essere paragonato a una rivoluzione culturale e sociale epocale e senza precedenti; un vero e proprio “mutamento di paradigma” (Khun, 1969) più destabilizzante dell’invenzione della stampa. Questo perché la sua natura fortemente innovativa, caratterizzata dalla tecnologia, ha avuto effetti radicali nelle nostre abitudini comportando un cambiamento negli stili di vita, incidendo nei rapporti tra le persone, tra i cittadini e lo Stato, tra i consumatori e le aziende, tra i dipendenti e i datori di lavoro.

Acquistare un prodotto online, pagare una bolletta online, controllare l’estratto conto bancario, prenotare la lezione di yoga in palestra, iscriversi a un corso professionale, guardare un film, telefonare a un amico che vive oltreoceano, sono tutte azioni che possono essere svolte in modo comodo e veloce  da casa o dall’ufficio direttamente col proprio telefono mobile.

Non si tratta dunque di un evento tecnologico, ma di un avvenimento globale che sta trasformando la società in tutte le sue forme.

L’avvento di sempre nuovi devices (dispositivi) interattivi come il digitale terrestre, i tablet, gli smartphone, ha consentito il moltiplicarsi dei canali d’accesso all’informazione. Siamo sopraffatti dalle informazioni.

La scienza considera che la mente umana può elaborare un massimo di 120 bit di informazione al secondo. Considerate che una normale conversazione da sola consuma circa un terzo di questa potenza di elaborazione.

Se reputi interessante queste dinamiche, troverai molto di più nel mio prossimo libro che uscirà il 1 Dicembre in tutte le librerie dal titolo “You Are Your Brand”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here