martedì, Ottobre 4, 2022
HomeNEWSGuerra in Ucraina, la FIFA accetta: finestra di calciomercato speciale

Guerra in Ucraina, la FIFA accetta: finestra di calciomercato speciale

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Sembra che il maggior organo del calcio internazionale abbia approvato la richiesta di varie federcalcio. Trasferimenti solo in prestito

Tante novità potrebbero arrivare a breve dalla FIFA. Il fatto riguarda il calciomercato, collegato a ciò che sta accadendo in queste ultime settimane in Ucraina. Pare che la FIFA abbia ricevuto richieste specifiche da varie federcalcio, in particolare anche da quella polacca, di aprire una nuova finestra di mercato.

Questo per dare la possibilità ai calciatori che militano nei campionati russi ed ucraini di cambiare aria e dar loro in questo modo anche l’opportunità di terminare la stagione calcistica in corso con maggiore serenità. Non si vive una situazione facile, in Ucraina ma anche in Russia. Tante le società in tutti i settori e in tutti gli sport, non solo in calcio, che stanno allontanando dipendenti, tesserati e sponsor russi proprio per evitare qualsiasi rapporto con quei paesi.

Paura sicuramente ma anche la volontà di far capire che si sono prese le distanze da quella situazione. Chi sta pagando maggiormente in questo caso sono i poveri cittadini, sia russi che ucraini, che in questo momento vorrebbero soltanto un po’ di pace. Non entriamo però nel merito di ciò che sta accadendo, cerchiamo semplicemente di focalizzarci su quelli che potrebbero essere gli sviluppi nel calciomercato internazionale per quanto riguarda la FIFA.

Possibili novità dalla FIFA: ecco le novità per il calciomercato

Sollecitata da diverse federcalcio, la FIFA sembra aver deciso di modificare le finestre di mercato ed aprirne una nei prossimi giorni. Questo, ribadendo il concetto precedente, per dare la possibilità ai calciatori che militano nei campionati ucraini e russi di ritrovare un po’ di pace. Non si tratterebbe comunque di trasferimenti a titolo definitivo, ma soltanto in prestito. Ecco perché in questo caso si andrebbe in contro ai giocatori ma anche alle società che in questo momento sono ferme, che al termine della stagione potrebbero riabbracciare i propri tesserati (sempre che la situazione nei Paesi coinvolti migliori).

Nello specifico, potrebbe succedere che i calciatori richiesti da altre società lascino il club di appartenenza in prestito fino al 30 giugno, per poi tornare, si spera, a correre nel terreno di gioco per la squadra in cui hanno militato sinora. La FIFA, stando a quanto riportato dal quotidiano francese L’Equipe, potrebbe approvare questa richiesta già nei prossimi giorni. Una notizia che, se confermata, in qualche modo potrebbe aprire degli spiragli anche al Milan. Chissà che Maldini e Massara, che finora sono sempre stati abili in questi colpi “a sorpresa“, non possano riuscire a fare qualcosa di importante anche stavolta.

C’è ad esempio un “croccante” David Neres, arrivato allo Shakhtar Donetsk a gennaio dall’Ajax, che potrebbe essere utile alla causa in questo finale di stagione. Sempre nel ruolo di ala destra, o comunque sulla trequarti, potrebbe fare al caso del Milan il ventiquattrenne in forza alla Dinamo Kiev Viktor Tsygankov, uno dei quei giocatori abili nello stretto e che Pioli adora.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com