Gaudiello (Fiamme Oro Rugby) : La formazione professionale è fondamentale per la crescita del nostro club. Ripartiamo con l’ obiettivo play off

0
56

Un nuovo campionato di Eccellenza alle porte per le Fiamme Oro Rugby e una palla ovale che, quest’anno, a causa del coronavirus, rotola con ancora più grande incertezza. L’obiettivo è quello dell’anno scorso: play off. Incontriamo Claudio Gaudiello, direttore sportivo delle Fiamme Oro Rugby.

Nuova stagione, nuovo Campionato di eccellenza per le Fiamme Oro di Rugby. Quali sono i prossimi obiettivi? E soprattutto quali precauzioni prenderà il vostro movimento per scongiurare l’emergenza coronavirus essendo il vostro uno sport dove il contatto è necessario?

Gli obiettivi sono quelli dichiarati lo scorso anno,  purtroppo interrotto a causa del Covid: provare ad entrare nei play off. Le precauzioni saranno tante, soprattuto quelle dettate dal protocollo che la FIR ci ha indicato.  Speriamo davvero che non ci siano casi che possano poi far fermare il campionato in corso d’opera. 

Da un punto di vista motivazionale quanto influisce su uno sportivo professionista o semi professionista competere senza pubblico? 

Sicuramente influisce tanto la mancanza di pubblico, nel nostro caso il pubblico e’ composto per lo più dalle famiglie dei nostri ragazzini del mini rugby. Non sentire il loro incitamento a bordo campo sarà sicuramente brutto, però  dobbiamo convivere con questa situazione così come sta facendo tutto lo sport in generale. 

Quanto conta il percorso della formazione professionale per trasmettere al meglio i valori e i principi di questa disciplina? 

Il percorso di formazione e’ fondamentale per la crescita di un club, l’esperienza in campo da atleta  è basilare per provare certe sensazioni, ma poi c’è bisogno anche di crescere studiando e formandosi come dirigente sportivo. Il nostro club è cresciuto tantissimo anche a livello di immagine, questo percorso di crescita lo abbiamo in buona parte fatto insieme all’attuale Vice Presidente dell’Ascoli Calcio Andrea Di Maso, grazie alla sua  notevole esperienza  nel campo e con il quale abbiamo realizzato diverse iniziative di marketing ed eventi nel corso degli anni nonché progettato e realizzato il totale restyling del centro sportivo con una veste grafica e di immagine totalmente rinnovata. 

Perché consiglierebbe ad un atleta di entrare a fare parte di un gruppo sportivo come quello delle Fiamme Oro? 

Oggi le Fiamme Oro ed i gruppi sportivi militari rappresentano una certezza per tutto lo sport italiano . Gli sport cosiddetti minori si reggono solo attraverso i gruppi sportivi militari e sono quelli che danno lustro alle Olimpiadi vincendo medaglie. Quando un atleta  entra a far parte delle fiamme oro ha la consapevolezza di praticare sport ad alto livello e poi, terminata l’attività agonistica, ha il futuro assicurato. Non credo che almeno nel rugby ci siano realtà che assicurano un futuro così ai propri atleti.

Ultima domanda sull’attualità: cosa pensa della recentissima querelle tra C.O.N.I. e Ministero dello Sport sulla Riforma dello Sport? Il presidente del C.I.O. ha fortemente criticato l’operato del Ministro Spadafora… 

Preferisco non commentare in quanto credo che tra istituzioni non debbano esserci problemi di questo tipo. I valori dello sport non devono essere contaminati da questioni politiche. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here