venerdì, Dicembre 3, 2021
HomeNEWSForze Armate: l’Ammiraglio Cavo Dragone nuovo Capo di SMD

Forze Armate: l’Ammiraglio Cavo Dragone nuovo Capo di SMD

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Si è svolta questa mattina la cerimonia di avvicendamento nella carica di Capo di Stato Maggiore della Difesa: l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone subentra al Generale Enzo Vecciarelli. La cerimonia si è svolta all’aeroporto militare di Ciampino alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

Le Forze Armate sono chiamate a contribuire, quale strumento essenziale, al riposizionamento attivo dell’Italia nello scenario internazionale e al rafforzamento della propria sovranità nazionale. A ciò è funzionale il completamento del processo di ammodernamento dello strumento militare, che dovrà al contempo tendere a colmare i principali gap capacitivi di tutte le componenti”.

Così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini durante il suo intervento in occasione della cerimonia di avvicendamento nella carica di Capo di Stato Maggiore della Difesa che ha sancito il passaggio del testimone dal Generale Enzo Vecciarelli all’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone. Cerimonia svolta questa mattina alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, all’aeroporto militare di Ciampino (Roma).

Presenti i Vertici delle Forze Armate, autorità civili, militari e religiose. Nel tracciare un quadro complessivo dello scenario internazionale, il Ministro ha ricordato che in questi anni tanto è stato fatto e che altrettanto resta sicuramente da fare.

Le sfide che ci troviamo davanti, per essere affrontate al meglio, richiedono visione, rapidità, efficacia, prontezza operativa e avanguardia tecnologica. Ciò è quanto mai vero alla luce della profonda evoluzione del contesto geopolitico di riferimento che ha posto nuovamente in una posizione di assoluto rilievo il sistema del Mediterraneo Allargato, che coincide in larga parte con l’area di nostro primario interesse strategico” ha affermato.

Di conseguenza” ha aggiunto “la Difesa svolgerà negli anni a venire un ruolo centrale per rafforzare quel ruolo internazionale per il Paese che il Governo sta perseguendo con determinazione. A maggior ragione oggi, mentre la NATO e la UE sono impegnate in un processo di revisione strategica che ci deve vedere, come ci ha autorevolmente sollecitato il Presidente della Repubblica, attori protagonisti per renderle ancor più rispondenti alle sfide che abbiamo di fronte”.

Guerini ha evidenziato l’importanza di disporre di uno Strumento interforze sempre più moderno, tecnologicamente omogeneo, fortemente integrato e bilanciato tra tutte le sue componenti, in grado di produrre effetti rilevanti e assicurare la tutela più efficace degli interessi nazionali, a fronte del complesso e delicato scenario di riferimento, sempre più multidominio. Ha quindi richiamato la necessità di proseguire nella valorizzazione del capitale umano – il personale civile e militare della Difesa, vero asset strategico del Dicastero – da perseguire anche attraverso un approccio organizzativo pienamente rispondente alle esigenze di natura operativa e di funzionamento complessivo dell’intero comparto.

Nel suo intervento, il Ministro ha poi sottolineato che l’impegno della Difesa deve proseguire su tre direttrici: contribuire alla sicurezza internazionale garantendo una presenza rafforzata, visibile e percepita quale fattore di stabilità, in tutti gli scenari le cui dinamiche possono avere ricadute sul nostro Paese e sull’Europa; contribuire a sviluppare forme strutturate di cooperazione volte a supportare la costituzione e il rafforzamento delle istituzioni dei Paesi dove operiamo; tutelare i nostri interessi strategici nazionali, ovunque si collochino ed in particolare proprio nel Mediterraneo Allargato.

Nel rivolgere il suo ringraziamento al Generale Vecciarelli per quanto fatto in questi anni, il Ministro Guerini ne ha detto “La sua chiarezza di intenti, l’affidabilità, la competenza, che l’hanno contraddistinta, hanno garantito che l’intero comparto operasse con efficacia ed efficienza al servizio dei cittadini, che hanno potuto riconoscere nelle Forze Armate un riferimento sicuro, contribuendo ad accrescere la consapevolezza dell’importanza di investire in Difesa”.

All’Ammiraglio Cavo Dragone l’augurio di “mari calmi e venti favorevoli”. “A lei” ha detto “il compito, non facile, di proseguire, in un contesto complesso, nell’opera di modernizzazione della Difesa, continuando ad assicurare, senza soluzione di continuità, i delicati compiti assegnati alle Forze Armate”.

Nel corso della cerimonia, il Presidente della Repubblica ha consegnato le Medaglie d’Oro al Valor Civile alle Bandiere di Guerra delle Forze Armate e dell’Arma dei Carabinieri, e la Medaglia d’Oro al valore della Guardia di Finanza alla Bandiera di Guerra del Corpo.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img