mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeAZIENDEEfficientamento energetico: perché è importante riqualificare gli immobili

Efficientamento energetico: perché è importante riqualificare gli immobili

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Per rendere le abitazioni più sostenibili e ridurre gli sprechi energetici, non basta investire solo in fonti rinnovabili, ma è fondamentale migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Iniziative come il Superbonus 110% si muovono proprio in questa direzione, incentivando i lavori di efficientamento degli edifici.

Secondo i dati ENEA, a agosto 2021, c’è stato un aumento degli interventi di efficienza energetica nei condomini, passando dai 4,8 miliardi di euro di luglio a 5,7 miliardi di euro. Nonostante ciò, la percentuale di lavori eseguiti nei condomini è ancora bassa, solo il 13% delle asseverazioni realizzate.

Tuttavia, questi interventi hanno un valore elevato e rappresentano il 46% degli investimenti di efficientamento sui quali è stata richiesta l’agevolazione fiscale. Inoltre, l’efficientamento energetico degli edifici è uno degli obiettivi strategici del piano Quadro 2030 per il clima e l’energia dell’UE, con un target di miglioramento dell’efficienza energetica del 32,5% entro il 2030.

Quali sono le strategie per migliorare l’efficientamento energetico?

Migliorare l’efficienza energetica in un edificio significa ridurne il consumo di energia, un risultato che può essere ottenuto senza interferire con le attività residenziali o aziendali svolte all’interno dell’immobile.
Gli interventi di efficientamento energetico hanno l’obiettivo di ridurre gli sprechi energetici e migliorare l’utilizzo dell’energia, per ottimizzare il rapporto tra l’energia immessa e quella consumata. Per sapere quali lavori eseguire è importante eseguire un’analisi energetica dell’edificio, effettuata da professionisti esperti e abilitati. L’analisi permette di calcolare l’indice di prestazione energetica globale dell’immobile, ovvero il rapporto tra i consumi di energia espressi in kWh e i metri quadri dell’edificio. In base alle condizioni energetiche iniziali dell’immobile, vengono scelti gli interventi più efficaci per migliorare questo coefficiente.
Per ridurre gli sprechi energetici e aumentare l’utilizzo di fonti rinnovabili, è possibile installare un cappotto termico per isolare l’edificio, sostituire gli infissi con modelli più efficienti, cambiare l’impianto di riscaldamento con una caldaia a condensazione di classe A o una pompa di calore. Inoltre, si può installare un impianto fotovoltaico per generare elettricità in modo sostenibile per l’autoconsumo, sostituire la caldaia a gas con un sistema solare termico a basso impatto ambientale e sottoscrivere una fornitura di energia verde, per utilizzare solo energia prodotta da fonti pulite come solare e eolico.

I vantaggi dell’efficientamento energetico

Gli interventi di efficientamento energetico contribuiscono a ridurre le emissioni di CO2 e a migliorare la qualità dell’aria all’interno dell’edificio, aumentando il comfort abitativo e favorendo la salute e il benessere dei residenti. Inoltre, gli interventi di efficientamento energetico possono aumentare il valore dell’immobile e renderlo più attraente per i potenziali acquirenti o inquilini.

In sintesi, gli interventi di efficientamento energetico non solo hanno un impatto positivo sull’ambiente, ma possono anche offrire vantaggi economici e migliorare la competitività delle aziende e delle abitazioni. Inoltre, contribuiscono a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra e aumento dell’utilizzo di fonti rinnovabili stabiliti dalle politiche energetiche nazionali ed europee.

Se vuoi migliorare l’efficientamento energetico della tua casa, o vuoi installare dei pannelli solari sul tuo terreno, puoi rivolgerti direttamente a Sisi Immobiliare.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com