martedì, Luglio 5, 2022
HomeAZIENDEDistretti Ecologici, Energia solare e agricoltura: un binomio virtuoso

Distretti Ecologici, Energia solare e agricoltura: un binomio virtuoso

- Pubblicità -
- Pubblicità -

La crescita della popolazione mondiale negli ultimi dieci anni ha portato ad un aumento del bisogno di elettricità, oltre che della sicurezza alimentare. l’Italia punta ad affrontare questi due problemi contemporaneamente con l’agrivoltaico.

In quanto principale produttore di prodotti agricoli in Europa e uno dei maggiori mercati europei per l’energia solare, l’Italia potrebbe trarre grandi vantaggi dall’agrivoltaico. Questa nuova forma di agricoltura ha dimostrato di offrire molti vantaggi in termini di produzione alimentare e generazione di energia rinnovabile.

Perché l’agrivoltaico è così vantaggioso?

Come suggerisce il nome, l’agrivoltaico è un concetto che unisce l’agricoltura con l’uso di pannelli fotovoltaici. Ricordiamo che la tecnologia fotovoltaica permette di trasformare l’energia solare in energia elettrica. Qui, i pannelli solari sono installati sopra le colture agricole per promuovere la produzione e proteggere dai rischi climatici.

L’obiettivo principale dell’agrivoltaico è preservare i terreni agricoli distinguendosi dalle grandi serre fotovoltaiche che abbiamo conosciuto fino ad ora.

Gli impianti agrivoltaici possono essere realizzati con diverse modalità. Possono essere costruiti posizionando pannelli solari fotovoltaici (PV) sopra le serre o in sistemi a campo aperto distanziandoli tra o sopra le colture. Gli studi hanno dimostrato che le colture – come pomodori, peperoni, bacche e viti – sono più adatte per l’agrivoltaico perché richiedono ombra per crescere.

I sistemi agrivoltaici si sono anche dimostrati in grado di intrappolare l’umidità rilasciata dalle colture, riducendo così il consumo di acqua. L’umidità dell’aria raffredda i pannelli fotovoltaici, aiutandoli a funzionare meglio. L’umidità del suolo conserva l’acqua, riducendo lo stress da siccità sulle piante. In poche parole, i sistemi agrivoltaici hanno la capacità di aumentare i raccolti delle colture agricole, ridurre il consumo di acqua e ridurre i costi operativi e di manutenzione, il tutto producendo energia pulita.

Poiché l’agrivoltaico è una forma di agricoltura relativamente nuova, finora è stato implementato solo un numero limitato di progetti su larga scala in tutto il mondo. Attualmente, la Cina ospita il più grande progetto agrovoltaico del mondo, che combina pannelli fotovoltaici su bacche di goji. L’imponente progetto da 640 MW avrebbe contribuito a ridurre l’evaporazione dell’umidità dalla terra del 30-40%, oltre a migliorare il clima regionale e l’ecosistema della regione aumentando la biodiversità. Oltre alla Cina, anche altri paesi hanno esaminato l’agrivoltaico, come India, Malesia e Taiwan.

In Europa, l’Italia è stato uno dei primi Paesi in Europa a fare progressi in questa forma di agricoltura. Negli ultimi anni il Paese ha visto un’impennata di progetti agrovoltaici, molti dei quali sono ancora in fase pilota.

L’interesse e i vantaggi dell’agrivoltaico

L’installazione di pannelli solari sopra le colture agricole tramite il modello agrivoltaico offre molti vantaggi. Il primo, come introdotto in precedenza, è che consente all’agricoltura di adattarsi ai cambiamenti climatici. Si tratta infatti di uno strumento per proteggere le colture agricole dalle temperature estreme (gelo e ondate di caldo) o dalle intemperie come la grandine che possono avere conseguenze disastrose sulla produzione. Ciò consente quindi di migliorare le rese agricole, pur utilizzando la superficie disponibile a vantaggio delle energie rinnovabili attraverso la produzione di energia elettrica fotovoltaica. Inoltre, l’agrivoltaico permette anche di risparmiare acqua attraverso il principio dell’evapotraspirazione che è stato enfatizzato nelle colture agricole come la vite.

I rischi e i vincoli dell’agrivoltaico

La prima cosa che si può dire è che l’agrivoltaismo è ancora in fase sperimentale. Le prestazioni effettive, specie nel lungo periodo, non possono quindi essere completamente garantite, anche se i primi risultati sono incoraggianti.

Di conseguenza, la pratica dell’agrivoltaico è inevitabilmente dibattuta nel settore agricolo. Alcuni temono in particolare che le rese agricole non ci saranno e che questo sistema sarà più redditizio per la produzione di energia solare. L’installazione di una centrale agrovoltaica è infatti piuttosto complessa e deve tenere conto di molti aspetti per essere efficace, tra cui la disposizione dei pannelli solari, la tipologia del terreno o l’affidabilità dei dispositivi di sicurezza. Infine, l’aspetto visivo dei pannelli fotovoltaici all’interno delle colture agricole non è di tutti i gusti e può quindi essere anche un ulteriore vincolo.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com