lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeAZIENDEDistretti Ecologici: alternative sostenibili per l'edilizia del futuro

Distretti Ecologici: alternative sostenibili per l’edilizia del futuro

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Che gli edifici debbano guadagnare in efficienza energetica attraverso soluzioni costruttive sostenibili come i cambiamenti di tetti, involucri o isolamento delle facciate non sarà solo una questione di spirito ecologico dei loro abitanti, ma di imperativo legale, almeno in Europa. Bruxelles ha appena approvato una serie di progetti legislativi tra cui la penalizzazione delle costruzioni (case abituali incluse) che non limitano le loro emissioni di anidride carbonica (CO2).

Un parco immobiliare invecchiato e non riabilitato comporta minacce in termini di risparmio, salute e benessere. La sostenibilità è un “concetto olistico” che non può essere ridotto alla sola efficienza energetica, ma deve incorporare il comfort acustico o l’accessibilità.

L’isolamento termico è il primo passo per evitare perdite di freddo e calore, migliorare il comfort di un immobile e risparmiare energia, seguito dall’azione su tetti, finestre e involucri opachi. Ciò porterà a edifici più efficienti e sostenibili. Il 75% del parco immobiliare dell’UE è inefficiente dal punto di vista energetico.

L’importanza dell’isolamento termico

Se c’è qualcosa di fondamentale che aiuta a migliorare l’efficienza energetica di una casa e, quindi, a renderla più sostenibile, e a risparmiare, è l’isolamento termico. La prima cosa è assicurarsi di non avere ponti termici, “cioè aree o aree singolari attraverso le quali si verifica una grande perdita di temperatura. Per evitarli, si consiglia un’adeguata progettazione degli elementi costruttivi che formeranno l’involucro termico di un edificio: ponti termici, cavità, involucri opachi… La sua analisi esaustiva sarà la chiave per ridurre il rischio di condensa e la perdita di freddo e calore verso l’esterno.

Le principali azioni di riabilitazione sono sulla facciata e sui tetti. Le coperture possono anche essere isolate, o sostituite, per evitare perdite di calore o freddo, ma anche per favorire l’isolamento acustico. Si consiglia inoltre di verificare l’efficienza delle finestre e sostituirle se necessario. Stiamo parlando di un risparmio nel consumo di energia di circa l’80%.

Incorporazione di energie rinnovabili

Un secondo passo sarebbe quello di integrare questi elementi di costruzione passivi con installazioni attive, come le energie rinnovabili. Si stanno facendo molti progressi nell’incorporazione di queste energie, dal momento che ci sono mini-generatori, pannelli solari o impianti geotermici per case unifamiliari e per le comunità di proprietari.

L’Unione europea ha il suo occhio sulla transizione ecologica e la decarbonizzazione dei nostri edifici è la chiave. Già nel febbraio 2020, la Commissione europea ha lanciato un documento il cui titolo era una dichiarazione di intenti: Sotto i riflettori: l’efficienza energetica degli edifici.

In esso, ha sostenuto che circa il 75% del parco immobiliare dell’UE è inefficiente dal punto di vista energetico e che la sua ristrutturazione potrebbe ridurre il consumo totale di energia “del 5% o del 6% e ridurre le emissioni di CO2 di circa il 5%”. Tuttavia, in media, meno dell’1 % del parco immobiliare nazionale viene rinnovato ogni anno (a seconda degli Stati membri, le percentuali vanno dallo 0,4 % all’1,2 %). “Per raggiungere i nostri obiettivi climatici ed energetici, dovremmo almeno raddoppiare gli attuali tassi di rinnovo”, ha riconosciuto il documento.

Gli edifici di ogni tipo (abitazioni, luoghi di lavoro, scuole, ospedali, biblioteche e altri edifici pubblici) sono i maggiori consumatori di energia nell’UE e sono tra i principali emettitori di anidride carbonica“, ha riconosciuto la Commissione in tale relazione. Nel complesso, sono responsabili del 40% del consumo energetico del territorio e del 36% delle emissioni di gas serra, generate principalmente durante la sua costruzione, utilizzo, ristrutturazione e demolizione “, ha sottolineato. Migliorare la sua efficienza energetica sarà decisivo per l’ambizioso obiettivo di raggiungere la neutralità delle emissioni.

La bioedilizia è il core business di Distretti Ecologici, una realtà che sviluppa progetti e soluzioni per il sostegno e la crescita di privati, aziende e istituzioni verso la transizione energetica e la riconversione green, fondamento necessario per il futuro di tutti. Il suo scopo è quello di sfruttare al meglio tutte le opportunità che il governo e l’Europa ci mette a disposizione, grazie a incentivi come il superbonus o i piani previsti dal PNRR.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com