D’Alessandro e Di Resta: una nuova pagina di storia dell’economia

0
148

“La tradizione professionale della D’Alessandro Termomeccanica non si piega difronte alla crisi, ma ribalta le sue sorti e sposa lo stile del design a firma del top manager milanese Dino Di Resta, per un rilancio aziendale fondato sulla creazione di un’esclusiva linea di termo stufe e termo camini ad uso domestico, che coniugano stile, arredamento, efficienza e risparmio, destinate a conquistare nuovi spazi dell’economia”.

MIGLIANICO (Ch) – Il top manager dei rilanci, dell’innovazione e delle sfide da vincere, Dino Di Resta, ha scelto l’illustre marchio D’Alessandro, per fare dell’indiscussa professionalità acquisita nel settore del riscaldamento industriale, una nuova, complementare ed elegante dimensione di produzione nel settore domestico.  Due storie che si incontrano, il karma delle Due D, quelle della famiglia D’Alessandro e Dino Di Resta, che, entrambi uniti dal coraggio imprenditoriale, danno vita al nuovo marchio D e D design by D’Alessandro, che oltre a dare rinnovata linfa alla produzione di caldaie industriali di cui la D’Alessandro è leader indiscusso di settore da 50 anni, creerà una  linea esclusiva ed unica di termo stufe e termo camini ad  uso domestico, che unisce l’estremo bello all’estremo risparmio, grazie al design e alla caratteristica di assoluta innovazione, data dal sistema di alimentazione di tipo policombustibile.

La D e D Design, apre a partire da oggi, ad un’evoluzione aziendale che si ri-costruisce nella sua interezza grazie alla scelta della famiglia D’Alessandro di non mollare dinanzi alle criticità di mercato subite negli ultimi anni e all’indiscussa professionalità di Dino Di Resta, il cui percorso manageriale, ha dimostrato al settore internazionale dell’imprenditoria quanto vale credere in un sogno e nella creazione di nuovi mercati, basati su competenza e istinto e  proiettati verso autorevoli successi.

Il progetto di fusione D e D design by D’Alessandro, è stato presentato la scorsa settimana nella sede aziendale di Miglianico (l’azienda annovera un altro importante polo logistico di circa 11mila metri quadrati su territorio comunale di Vacri, Chieti).

La conferenza stampa si è svolta alla presenza della famiglia D’Alessandro, Dino Di Resta, i sindaci di Miglianico Fabio Adezio, di Vacri Piergiuseppe Mammarella, di Ari Marcello Salerno.

Il segretario provinciale Fiom Cgil Andrea De Lutiis

Il direttore generale di Progetto Fuoco Raul Barbieri,

E diversi rivenditori tra i più qualificati del settore, provenienti da tutta Italia.

L’azienda D’Alessandro Termomeccanica è stata fondata nel 1978 da Raffaele D’Alessandro, oggi affiancato dalle figlie Antonella e Domenica. Produce caldaie e generatori di calore a biomassa con l’obiettivo di realizzare prodotti secondo i più elevati standard qualitativi, garantendo affidabilità e ottime prestazioni energetiche a bassissimo impatto ambientale. L’ampio range di potenze (da 20 kW a 5.000 kW) ne consente l’applicazione in molteplici settori volti a soddisfare svariate esigenze: dal riscaldamento nell’ambito agricolo e zootecnico, nel residenziale privato o teleriscaldamento alla produzione di acqua calda e vapore per il funzionamento di impianti industriali di diverse tipologie e dimensioni. I generatori di calore D’Alessandro Termomeccanica sono costruiti per essere alimentati con combustibili solidi, in particolare pellet e biomasse provenienti dalla lavorazione dei residui agricoli e forestali come legna, sansa di olive, gusci e noccioli di frutta triturati, cippato, trucioli e segatura, le quali, tra le fonti energetiche rinnovabili, rappresentano una grande risorsa per l’uomo e per la salvaguardia dell’ambiente. Fino al 2014, l’azienda ha avuto una crescita esponenziale concretizzata  nel picco del fatturato di circa 10miloni di euro. Complice l’inversione della tendenza del mercato che ha interessato il settore, si sono verificate flessioni negli anni avvenire, fino a scivolare al fatturato di circa 4milioni di euro nel 2019, senza mai intaccare però l’elevatissimo standard qualitativo di produzione e rendimento.

Alcuni lo dipingono come folle, altri come visionario, ma una cosa è certa, Dino Di Resta ha saputo trasformare le opportunità in caso di eccellenza tutta italiana.

Noi di Italia news online non abbiamo dubbi. Ci riuscirà anche questa volta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here