mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomeNEWSCOP26: cos'è e perché influenzerà il nostro futuro

COP26: cos’è e perché influenzerà il nostro futuro

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Il mondo si sta riscaldando a causa delle emissioni dei combustibili fossili utilizzati dall’uomo, come carbone, petrolio e gas.

Gli eventi meteorologici estremi legati ai cambiamenti climatici, tra cui ondate di calore, inondazioni e incendi boschivi, si stanno intensificando. L’ultimo decennio è stato il più caldo mai registrato e i governi concordano sulla necessità di un’azione collettiva urgente.

Per questa conferenza – denominata COP26 – sono stati chiesti a 200 paesi i loro piani per ridurre le emissioni entro il 2030, fino a raggiungere lo zero netto entro il 2050.

Cos’è la COP26?

La COP26 è la conferenza annuale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. COP sta per Conferenza delle Parti e al vertice parteciperanno i paesi che hanno firmato la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), un trattato entrato in vigore nel 1994.

Questo è il 26° vertice della COP e sarà ospitato in collaborazione tra Regno Unito e Italia. La conferenza si terrà a Glasgow dall’1 al 12 novembre 2021, un anno dopo il previsto a causa dei ritardi causati dalla pandemia di COVID.

La COP26 sarà il più grande summit che il Regno Unito abbia mai ospitato, con circa 30.000 partecipanti attesi, se l’evento potrà essere organizzato. Molte persone lo vedono come l’evento climatico più significativo dall’Accordo di Parigi del 2015, quando tutti i firmatari dell’UNFCC hanno concordato di mantenere le temperature ben al di sotto dei 2 gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustriali e di proseguire gli sforzi per limitare ulteriormente l’aumento della temperatura a 1,5 gradi centigradi.

La COP26 è fondamentale perché è il primo momento in cui i paesi devono stabilire obiettivi più ambiziosi per porre fine al loro contributo al cambiamento climatico nell’ambito dell’accordo di Parigi.

Affrontare il cambiamento climatico è la sfida più grande che deve affrontare la nostra generazione e la transizione verso l’energia pulita è fondamentale per aiutarci a raggiungere l’obiettivo di raggiungere lo zero netto entro il 2050. 

Cosa è stato concordato alla COP26?

Molti paesi hanno stabilito piani per ridurre le emissioni prima del vertice, ma c’è stata una raffica di nuovi annunci:

  • Alberi: più di 100 leader mondiali hanno promesso di affrontare la deforestazione, importante perché gli alberi possono assorbire grandi quantità di CO2. Ci sono state iniziative simili prima, ma questa ha ottenuto maggiori finanziamenti.
  • Metano: più di 100 paesi hanno aderito a un programma per ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030. I grandi emettitori Cina, Russia e India non hanno aderito.
  • Carbone: più di 40 paesi hanno deciso di abbandonare il carbone, il principale contributore al cambiamento climatico. Alcuni dei paesi più dipendenti dal carbone al mondo, tra cui Australia, India, Cina e Stati Uniti, non hanno aderito.
  • Denaro: 450 organizzazioni che controllano 130 trilioni di dollari – circa il 40% delle risorse private globali – hanno accettato di sostenere la tecnologia “pulita” , come l’energia rinnovabile.

PERCHÉ LA COP 26 È COSÌ IMPORTANTE?

Non solo la COP annuale è il momento per le parti interessate di tutto il mondo di affrontare collettivamente la crisi climatica, ma questa particolare COP arriva in un momento particolarmente critico. Il clima è salito in cima all’agenda globale, con il Segretario generale delle Nazioni Unite che ha definito il recente rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici un “codice rosso per l’umanità”.

Dati i devastanti impatti climatici che abbiamo visto quest’anno – dalla siccità e gli incendi boschivi alle gravi inondazioni e all’innalzamento del livello del mare – i paesi devono intensificare con decisione la loro ambizione di abbattimento climatico. Inoltre, questa COP rappresenta una scadenza per i paesi per presentare nuovi e rafforzati contributi determinati a livello nazionale (NDC) per il 2030, gli impegni proposti dai paesi ogni cinque anni nell’ambito dell’accordo di Parigi. Una COP 26 di successo, caratterizzata da forti impegni nazionali, sarà fondamentale per mantenere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5°C rispetto alle temperature preindustriali.

Se i leader globali possono lavorare insieme a Glasgow per aumentare le ambizioni, fornire finanziamenti per il clima e aiutare i paesi in prima linea nel cambiamento climatico ad adattarsi a impatti sempre più gravi, la COP 26 sarà stata il catalizzatore del progresso di cui il mondo ha disperatamente bisogno.

Quello che succede a Glasgow conta immensamente, ma la COP 26 non è la fine della strada. I paesi dovranno dare seguito agli impegni presi alla COP con piani e azioni concrete. Nei prossimi mesi, gli impegni presi alla COP, compresi i NDC rafforzati, devono essere attuati sul campo in ogni paese. I governi dovranno lavorare strenuamente per mantenere i loro impegni e raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Ma nella lotta al cambiamento climatico, i governi nazionali non sono soli. I paesi svolgono un ruolo centrale, ma anche molti altri attori, dalla società civile e dalle imprese, agli attori subnazionali come i sindaci delle città, ai giovani e ai leader indigeni, devono essere parte della soluzione. La COP 26 è solo il prossimo passo nel nostro lungo viaggio per proteggere il pianeta dalla crisi climatica che dobbiamo affrontare: ci vorrà ognuno di noi per vedere quel viaggio.

Credits immagine: Unsplash

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img