domenica, Maggio 29, 2022
HomeEVIDENZAConflitto Ucraina - Russia: il conflitto si sposta sui social

Conflitto Ucraina – Russia: il conflitto si sposta sui social

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Una nota a margine dell’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia potrebbe essere che ora si tratta della “prima guerra dei social media”, poiché le persone sul campo nella nazione assediata sono in grado di condividere rapporti in tempo reale dalla prima linea. Quella capacità di pubblicare aggiornamenti, condividere video potrebbe aiutare a garantire che la prima vittima di questa guerra non sia la verità.

Media e copertura di guerra

La guerra ispano-americana è stata a lungo definita la prima “guerra dei media” poiché la sua azione militare è stata accelerata dal coinvolgimento dei media. Molti giornali hanno persino pubblicato articoli di natura sensazionalistica, mentre i corrispondenti sono stati inviati a Cuba per assistere in prima persona alla guerra.

Circa 60 anni dopo, il conflitto in Vietnam si guadagnò la reputazione di essere la “prima guerra televisiva”, poiché divenne oggetto di copertura giornalistica su larga scala dopo che un numero considerevole di truppe da combattimento statunitensi era stato impegnato nella guerra nella primavera del 1965. Nel 1968, al culmine della guerra, c’erano ben 600 giornalisti accreditati che coprivano la guerra per i servizi via cavo, le reti radiofoniche e televisive statunitensi. Il Joint US Public Affairs Office ha pubblicato briefing giornalieri, che presto divennero noti come “le follie delle cinque” mentre la guerra veniva regolarmente portata nelle case americane tramite il telegiornale della sera.

Nel febbraio 1968, Walter Cronkite – all’epoca conduttore della CBS Evening News e noto come “L’uomo più fidato d’America” ​​- fece l’audace dichiarazione che il conflitto era “impantanato in una situazione di stallo”. Quel rapporto portò persino l’allora presidente Lyndon B. Johnson ad affermare: “Se ho perso Cronkite, ho perso l’America centrale”.

L’invasione dell’Iraq del 1991, nota anche come Guerra del Golfo, ha sicuramente reso la CNN un marchio mondiale e ha messo in luce il potere delle notizie via cavo in quei tempi.

Prima guerra su Internet?

Rimane anche un dibattito su quella che potrebbe essere definita la “prima guerra di Internet”. Secondo la rivista Wired , la distinzione potrebbe andare alle guerre civili jugoslave degli anni ’90 in quanto coincise con l’adozione di massa di Internet e la nascita dei notiziari online.

Tuttavia, è stata davvero la guerra globale al terrorismo (GWOT) del 21° secolo in seguito agli eventi dell’11 settembre che ha davvero mostrato il potenziale per coprire la guerra in tempo reale. 

La guerra nell’era dei social media

Il potere dei social media è solo ora completamente esplorato, ma come notato potrebbe cambiare la copertura poiché gli ucraini possono trasmettere in streaming scene dal campo di battaglia in tempo reale e chiunque abbia uno smartphone può ricoprire il ruolo di “corrispondente di guerra” come Winston Churchill , Edward R. Murrow, Ernie Pyle, Walter Cronkite e Christiane Amanpour.

“I social media rappresentano un elemento di trasformazione del conflitto armato, diverso da qualsiasi cosa abbiamo mai visto”, ha suggerito William V. Pelfrey, Jr., Ph.D., professore alla Wilder School of Government and Public Affairs presso la Virginia Commonwealth University.

“Storicamente, le rappresentazioni della guerra da parte dei media sono state fornite dai militari – e quindi non probabilmente rappresentative – o derivate da materiali imprecisi e di contrabbando”, ha spiegato Pelfrey in una e-mail. “La natura in tempo reale di video di alta qualità forniti da qualsiasi telefono cellulare, ovunque, in qualsiasi momento, trasmessi su una rete di social media sempre attiva con rapidi re-tweet o condivisioni, significa che le persone ovunque possono sperimentare virtualmente alcuni degli elementi del combattimento. “

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com