sabato, Maggio 28, 2022
HomeEVIDENZACome sta rispondendo l'Italia alla crisi dei rifugiati in Ucraina?

Come sta rispondendo l’Italia alla crisi dei rifugiati in Ucraina?

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Da quando domenica una manciata dei primi rifugiati è arrivata dall’Ucraina in Italia , la cifra è salita a migliaia.

Un totale di circa un milione di rifugiati è fuggito dall’Ucraina dall’inizio del conflitto, secondo l’ agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati .

Un dato che segna una velocità di esodo “raramente vista”, secondo l’Alto Commissario Onu per i Rifugiati Filippo Grandi.

La natura rapida del movimento è difficile da rintracciare, poiché l’organizzazione osserva che sempre più persone continuano a fuggire dall’Ucraina “ora dopo ora, minuto per minuto”, con un numero sconosciuto di ucraini sfollati all’interno del paese.

In Italia, l’ultimo aggiornamento del governo pone i numeri a 3.840 cittadini ucraini entrati nel Paese dall’inizio del conflitto, di cui 1.890 donne, 570 uomini e 1.380 minori.

Tuttavia, altre fonti stimano che la cifra sia molto più alta – a 7.000 rifugiati già in Italia, 3000 di quei bambini, secondo il quotidiano italiano La Repubblica .

L’agenzia Onu per i rifugiati ha riferito a The Local che almeno 4mila rifugiati ucraini sono arrivati ​​in Italia da domenica 27 febbraio proprio al valico Fernetti/Trieste, al confine nord-orientale con la Slovenia. Questo si basa sulle osservazioni del numero di autobus, hanno affermato.

Nel frattempo, l’agenzia continua ad aumentare la sua presenza a questo confine, ha scritto in un tweet.

Quanti profughi ucraini entreranno in Italia?

I numeri già visti sono solo l’inizio. Secondo Fabio Prevedello, dell’Associazione Culturale Europea Italia-Ucraina, nelle prossime settimane sono attesi in Italia circa 800-900.000 rifugiati dall’Ucraina.

“Questa stima si basa sul fatto che ci sono circa 250.000 ucraini in Italia, che molti parenti cercheranno di unirsi a loro e che ogni famiglia ucraina ha in media 2-3 figli”, ha detto .

E dal momento che è stata approvata una misura a livello dell’UE che apre i corridoi ai rifugiati ucraini, quella cifra potrebbe aumentare di nuovo.

Giovedì i leader dell’UE hanno approvato la direttiva sulla protezione temporanea , che concede un congedo immediato per rimanere nel blocco senza visto per un anno e può essere prorogato se necessario.

Intervenendo sulla decisione, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, ha dichiarato : “Dobbiamo essere soddisfatti dell’applicazione di questa direttiva sulla protezione temporanea, per la prima volta dal 2001. Si tratta di un’applicazione in linea con tutta l’attività svolta dai 27 Paesi Ue, sia in termini di sanzioni che di sostegno al Paese ucraino”.

Cosa stanno facendo le autorità italiane?

Parlando dopo il vertice dei ministri degli Esteri della Nato, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio venerdì ha affermato che l’ Italia evacuerà le famiglie che non hanno più una casa dall’Ucraina.

Arriva dopo che il governo ha pubblicato questa settimana le linee guida operative , sulla base di un decreto legge introdotto lunedì 28 febbraio, che delineava le misure urgenti dell’Italia per la crisi ucraina.

L’Italia ha autorizzato l’ampliamento dei centri di accoglienza straordinaria (CAS) italiani per ospitare 13.000 persone in più e l’ampliamento di 3.000 posti dei suoi centri del sistema nazionale di accoglienza e integrazione (SAI), già forniti e finanziati per i cittadini afghani evacuati la scorsa estate .

I rifugiati provenienti dall’Ucraina possono accedere a queste strutture anche se non hanno lo status di richiedente protezione internazionale o altre qualifiche previste dalla normativa vigente.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com