venerdì, Settembre 30, 2022
HomeEVIDENZABollettino Excelsior: bene le assunzioni nei servizi, in calo la manifattura

Bollettino Excelsior: bene le assunzioni nei servizi, in calo la manifattura

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Lieve aumento delle assunzioni ad aprile, ma l’industria e le costruzioni segnano il passo a causa dei rincari delle materie prime energetiche e dell’incertezza sugli scenari nel breve termine a causa dello shock della guerra in Ucraina. Tengono invece i servizi, specie il turismo e la ristorazione. È il quadro che emerge dal bollettino del Sistema informativo Excelsior di aprile, realizzato da Unioncamere e Anpal.

Anche questo mese il tasso di difficoltà nelle assunzioni risulta elevato ed è pari al 40% (43% per i giovani). L’area aziendale più problematica è quella dei sistemi informativi (58,7%) nell’ambito della direzione e servizi generali.

Particolarmente difficile è il reclutamento dei dirigenti (70,3% di difficoltà), degli operai specializzati (55,8%, con punte del 65,6% per artigiani e operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni), e dei conduttori di impianti e operai di macchinari fissi e mobili (47,8%), in particolare degli operai di macchine automatiche e semiautomatiche per lavorazioni metalliche e per produzioni di minerali (59,8%). Tra i giovani si conferma il dato cronico della difficoltà di reperire progettisti, ingegneri e professioni assimilate (67%).

Tra aprile e giugno si prevedono 1.379.830 entrate (+40,3% rispetto allo scorso anno). Nel mese di aprile ne sono previste 367.720 (+2,4% rispetto a marzo, +20,3% rispetto a un anno fa), di cui il 29% destinate a giovani fino a 29 anni.

L’11% di tutte le imprese ha programmato assunzioni. In particolare, l’industria ne ha previste ad aprile 102.600 (-8,8% sia in termini congiunturali -10,8% tendenziali) e 353.350 nel trimestre aprile-giugno (-1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2021). È la manifattura a registrare un calo rilevante nel suo complesso (-8,5% ad aprile su base congiunturale, -5,9% su base annuale). Il comparto con maggiore domanda di lavoro è la meccatronica (18.030 unità), anche se l’aumento più importante in termini tendenziali si registra nella lavorazione dei minerali non metalliferi e nelle industrie estrattive (33,4%). In calo la richiesta proveniente dal comparto delle costruzioni: 33.050 le assunzioni programmate ad aprile (-9,4% su base mensile, -19,4% su base annuale) e 120.280 fino a giugno (-5,7% rispetto all’anno precedente).

Molto meglio il settore dei servizi, che ha programmato ad aprile 265.110 assunzioni: l’incremento è stato del 7,5% rispetto a un mese fa e del 39,1% rispetto all’anno scorso. Nel trimestre aprile-giugno sono previste 809.880 assunzioni (+36,6% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno). In testa per le opportunità di lavoro offerte i servizi di alloggio, ristorazione e servizi turistici (78.180 entrate programmate), il commercio (46.430) e i servizi alle persone (44.760). Particolarmente buona la dinamica dei servizi dei media su base mensile (+30, 1) e dei servizi di alloggio, ristorazione e turismo su base annuale (+253,1%).

Dal punto di vista della classe dimensionale, le microimprese (1-9 dipendenti) sono state quelle che hanno dichiarato una maggiore domanda di lavoro ad aprile (120.460) e tra aprile e giugno (481.010). Ma sono le imprese di 10-49 dipendenti che registrano gli incrementi relativamente più alti rispetto allo scorso anno: +39,8% per il trend mensile, +54,3% per quello trimestrale.

Sotto il profilo territoriale, le attivazioni di contratti provengono prevalentemente dalle imprese del nord ovest, in cui sono previsti 108.770 ingressi. Tutte le ripartizioni territoriali hanno registrato incrementi tendenziali, ma gli aumenti maggiori ci sono stati al sud e isole (+24.640 pari al 35,3%) e al nord est (+20.150, pari al 28,1%).

Gli indirizzi di studio che in questo mese garantiscono gli esiti occupazionali migliori sono quello economico tra i percorsi universitari, quello di amministrazione, finanza e marketing per il diploma secondario e quello della ristorazione per la qualifica o diploma professionale: ad aprile le assunzioni previste sono infatti rispettivamente 15.000, 30.850 e 18.870. Previsti anche 3.140 assunti provenienti dagli Its, mentre 132.830 (36%) sono le assunzioni programmate di lavoratori che non hanno alcun titolo di studio.

Leggi il bollettino di aprile 2022
Leggi il comunicato stampa
Per saperne di più vai al portale Excelsior

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com