martedì, Dicembre 7, 2021
HomeNEWSAndrea Di Maso: il mio impegno con Airl per rappresentare la...

Andrea Di Maso: il mio impegno con Airl per rappresentare la storia

- Pubblicità -
- Pubblicità -

La mia storia di uomo e di imprenditore si intreccia con una tradizione che certamente non ha aiutato ne me quantomeno la mia famiglia.

Sono figlio di profughi, di solito non amo parlarne e forse molti dei miei amici e conoscenti non hanno mai realizzato realmente di cosa parlo.

In Libia nel 1970 vivevano 20mila italiani, perfettamente integrati con la popolazione locale. Molti di loro erano emigrati a Tripoli e avevano costruito il loro futuro investendo in attività imprenditoriali, proprio come fecero i miei nonni, con discreto successo. 

Ma Gheddafi, appena salito al potere, la pensava diversamente e confiscò loro ogni avere, considerandoli un residuato dell’imperialismo fascista. 

Tornati in Italia con una valigia e poco altro, senza soldi né lavoro, molti rimpatriati come i miei genitori, migliaia, finirono nei campi profughi.

I più fortunati avevano una casa in Italia e riuscirono ad avere quantomeno una fissa dimora da condividere con i diversi componenti dei nuclei familiari allargati. 

Lì rimasero per mesi o, addirittura, anni in casette fatiscenti o freddi casermoni, in locali senza riscaldamento, con i bagni in comune, cibo pessimo e senza alcuna privacy. 

Sperimentarono sulla loro pelle la discriminazione verso il diverso, pur essendo italiani, e le privazioni da profugo in patria. 

Storie sorprendentemente simili a quelle dei migranti di oggi, coi quali condividono privazioni emotive e condizioni di vita disagiate.

Nel 1972 è nata AIRL, l’ente del terzo settore che riunisce i 20 mila italiani che subirono la confisca e furono espulsi dalla Libia. 

A seguito dell’incontro del Dicembre scorso con Francesca Prina Ricotti che ha deciso con coraggio di guidare e rappresentare il network, anche per dare seguito ai risultati raggiunti in tutti questi anni dalla precedente Governance, ho sentito il dovere di scendere in campo e cosi sono stato eletto nel consiglio nazionale di AIRL.

Con Francesca, di cui ammiro le capacità e la determinazione, abbiamo già organizzato una squadra ed un progetto che porterà il nostro ente a proseguire l’ottimo lavoro svolto nel passato con una vision innovativa e all’avanguardia, anche aperta a nuove possibilità e ad ulteriori obiettivi da raggiungere insieme alla nostra rete.

Vi invito a leggere il libro che tratta delle nostre vicende, nascoste sotto un velo di normalità e silenzio per cinquant’anni.

Il volume è arricchito da un’analisi dell’azione di Aldo Moro nei rapporti italo-libici, scritta da Mario Savina. E da una presentazione dello scrittore Roberto Costantini, “tripolino” con la Libia nel cuore e nella penna.

Profughi. Dai campi agricoli della Libia ai campi di accoglienza in Italia – AIRL

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

VIDEO NEWS

- Pubblicità -spot_img
Altre News
- Pubblicità -spot_img